Fare il sapone: usare avanzi di saponette per ridurre gli sprechi

da , il

    C’è qualcuno che utilizza ancora le saponette? Probabilmente si e devo ammettere che a me sono sempre piaciute, soprattutto quelle di una certa qualità che lasciano addosso un profumo che i saponi liquidi non possono eguagliare. L’unico problema relativo alla saponetta è che se usata da più persone non è molto igienica, quindi negli anni, condividendo spesso casa, l’ho abbandonata. Comunque, nel caso dovessi tornare ad utilizzarla, o se c’è qualcuna che ne fa uso, questo fai da te è davvero utile, sia per il portafoglio, sia per ridurre gli sprechi: mostra infatti come fare una saponetta nuova direttamente dagli scarti di vecchie saponette.

    Lasciate lo scarto e una nuova forma di saponetta su un panno umido per alcune ore, fino a quando la parte inferiore di ambedue i pezzi si ammorbidisca. È più semplice se la nuova saponetta è stata utilizzata qualche volta e se lo scarto non si è indurito troppo.

    Con le unghie o con una lama sottile calcare delle linee incrociate sui due lati morbidi in modo da creare una sorta di ‘aggancio’ per aiutarli a incastrarsi. Se i pezzi sono abbastanza morbidi serviranno poche linee.

    Adesso prendete le saponette e fate in modo di unire i due lati morbidi e incisi, avvicinandoli e esercitando una lieve pressione unita ad un movimento rotatorio molto leggero.

    Adesso incidete qualche altra linea facendo in modo che prenda ambedue le superfici, così, una volta seccate, quella più piccola resterà attaccata.

    A questo punto avrete una saponetta nuova e più grande del normale e avrete riciclato un rifiuto. In figura è riportato un accoppiamento piuttosto brutto (verdino e bianco) per far capire meglio come lavorare, ma è consigliato usare gli stessi colori per una migliore riuscita estetica.