Fare la spesa in modo sano: come scegliere i succhi di frutta

da , il

    Fare la spesa in modo sano: come scegliere i succhi di frutta

    I succhi di frutta sono delle bevande che possono essere sia genuine e nutrienti, che di scarsa qualità e nocive, e quindi diventa importante sapere come comprarli, come sceglierli nei supermercati, affinché, oltre al risparmio, si possa unire anche la qualità del prodotto. Il problema principale dei succhi di frutta consiste nell’utilizzo frequente, e a volte massiccio, di conservanti, coloranti e aromi chimici, motivo per cui spesso ci troviamo a bere acqua colorata e saporita, priva delle caratteristiche nutrienti della frutta, ma ‘ricca’ di elementi nocivi per la salute. Vediamo alcuni consigli per individuare i succhi di frutta più genuini, in modo da poter procedere al loro acquisto senza basarsi unicamente sul prezzo.

    Cominciamo ad osservare le etichette dei succhi di frutta, perché già dalla loro lunghezza si possono evincere le diverse tipologie: se risultano troppo lunghe significa che c’è un numero elevato di ingredienti non salutari, come i conservanti, i dolcificanti, i coloranti e altri (lo stesso accade per gli yogurt).

    Ad esempio, sugli scaffali dei supermercati troverete spesso dei succhi che contengono solo una percentuale leggermente superiore al 10% di frutta, mentre il resto è occupato da elementi che non dovrebbero far parte della nostra alimentazione, come quelli indicati sopra.

    Una buona soluzione sono i nettari, la cui percentuale di frutta è compresa tra il 25% ed il 50%, e ad essi possono essere uniti ingredienti come acqua, edulcoranti, succo di limone o acido ascorbico (vitamina C).

    Ma, proprio per definizione, i succhi di frutta genuini, quelli davvero nutrienti, sono costituiti dal 100% di frutta, senza aggiunta di zuccheri o aromi, naturali o artificiali che siano.