Gatto, come curare gli occhi infiammati

da , il

    Gatto, come curare gli occhi infiammati

    Nei mesi freddi anche i nostri animali domestici possono prendere colpi d’aria o il raffreddore. Il gatto quando prende il raffreddore, oltre a qualche starnuto ed il naso che cola, ha problemi agli occhi che continuano a lacrimare, uno solo o entrambi ed in questo caso è compito dei padroni intervenire per prendersi cura di loro e farlo guarire. Anche se generalmente il gatto si cura da solo, quando l’occhio lacrima in continuazione non riesce a pulirsi e dobbiamo provvedere a curare i suoi occhi. Questo post tratterà di come curare gli occhi infiammati del gatto con amore ed attenzione. Non è un’operazione complessa, ma bisogna essere costanti.

    Per curare gli occhi infiammati del vostro gattino, dovrete procurarvi delle garze sterili e dell’acqua borica, ma se avete animali domestici in casa dovrete già averli. Prendete una garza sterile nuova ed imbevetela di acqua borica, vi consiglio vivamente di non utilizzare il cotone per effettuare la pulizia degli occhi infiammati del gatto perchè potrebbero rimanere dei pelucchi che peggiorerebbero soltanto la situazione. Una volta preparati gli strumenti, prendete il gatto per la collottola e, senza strofinare, passate un angolino della garza sull’occhietto che lacrima, poi prendete un altro lato della garza e provvedete con la medicazione dell’altro occhio. E’ importante non riutilizzare lo stesso punto della garza per entrambi gli occhi altrimenti non farete altro che spargere i batteri. Se al vostro micio si è formata una crosticina per la forte lacrimazione, state bene attenti a non strappargliela perchè gli fareste solo male, dovrete prendere una garza pulita ed inumidirla con acqua calda. Dopo poggiatela sulla crosticina per qualche secondo, in questo modo la crosta si ammorbidirà e con la garza con l’acqua borica riuscirete ad eliminarla senza fatica e soprattutto, senza procurare dolore o fastidio al gatto. Dopo avere disinfettato gli occhi infiammati, procedete utilizzando un collirio antibiotico, generalmente usato per i bambini, ne basterà una goccia due volte al giorno fino a completa guarigione.