Gatto, l’ambiente ideale e l’inserimento in famiglia

da , il

    Gatto, l’ambiente ideale e l’inserimento in famiglia

    I gatti sono tra gli animali domestici più apprezzati e diffusi. Spesso si ritiene che rispetto ai cani non richiedano molte cure e attenzioni e che non siano molto fedeli. In realtà non è così, ovviamente questi due animali sono molto differenti l’uno dall’altro, ma anche i gatti hanno bisogno di attenzioni e coccole dai propri padroni. Essi però avranno bisogno di maggior tempo per abituarsi alle persone e agli ambienti e sono per loro natura più indipendenti. Quando decidete di adottarli bisogna considerare questi aspetti. Infatti, l’inserimento in famiglia non sarà mai immediato come avviene per un cane ma sarà più lento e il gatto all’inizio si potrà dimostrare guardingo non mostrando il suo carattere.

    La prima cosa da fare in questo caso è non forzarlo, dategli spazio e tempo per ambientarsi senza però trascurarlo, infatti, come per il cane, anche per questo animale domestico il gioco, le coccole e l’affetto della propria famiglia sono fondamentali. In questo modo si creerà pian piano un ottimo rapporto tra voi e il vostro amichetto. La mancanza di una di queste attività oltre a farlo estraniare, può portare anche a gravi disturbi comportamentali, specie se preso da cucciolo visto che non ha potuto apprendere quanto gli serve dalla madre.

    Per quanto riguarda l’ambiente, il gatto soffre meno gli ambienti chiusi e può sopportare anche periodi di tempo più lunghi in assenza del proprietario. Ha però bisogno di un ambiente che lo stimoli e che non lo faccia annoiare. Infatti è opportuno arredare la casa con delle mensole, librerie su cui il gatto può facilmente arrampicarsi e creare luoghi in cui potrà ‘farsi le unghie’. Ciò eviterà che il vostro animaletto graffi tende, divani ecc.