Giardini pensili: tetti verdi, in arrivo detrazioni anche in Italia?

da , il

    Giardini pensili: tetti verdi, in arrivo detrazioni anche in Italia?

    Nelle ultime settimane, con il cambio del clima, si inizia nuovamente a parlare delle polveri sottili che invadono le nostre città. I dati che emergono sono sempre più allarmanti e le proposte di legge per diminuire l’inquinamento sono diverse. Una delle più interessanti è quella che riguarda la realizzazione di tetti verdi, giardini pensili e verticali per cui, negli ultimi giorni, pare che ci siano anche possibilità di ricevere delle detrazioni a livello fiscale per la messa in opera di questi spazi. Per adesso se ne parla in Senato ma non sembra essere una decisione troppo utopistica.

    Il governo per ora ha manifestato il suo impegno a valutare l’opportunità di concedere delle detrazioni fiscali (fino al 36%) anche sulla realizzazione di tetti verdi e giardini verticali. Oltre ad essere una soluzione positiva per quanto riguarda l’inquinamento cittadino se si dovessero realizzare dei lavori di questo genere le città ne guadagnerebbero anche in bellezza.

    Architetti, ingegneri e professionisti del settore infatti negli ultimi anni hanno progettato in tutto il mondo interi quartieri dando ampio spazio ai giardini verticali quindi, dal punto di vista architettonico e di design, già si è molto avanti, mancherebbe solo questo incentivo da parte dello stato per la messa in opera.

    I vantaggi di un tetto verde sono diversi, oltre a fare una copertura eco-sostenibile infatti sarebbe anche garantito un ottimo isolamento sia termico che acustico.

    Il tema è stato riproposto in Senato dal senatore Salvo Fleres, del Pdl che ha affermato che tali soluzioni ‘offrirebbero anche vantaggi economici in quanto comportano un risparmio nei futuri costi di risanamento ed un risparmio di costi energetici – e continua – sono numerosi i comuni del Centro Europa che offrono incentivi per il verde pensile, sotto forma di sovvenzioni, incentivi finanziari, piani urbanistici e regolamenti edilizi, ai fini di aumentare il risparmio energetico, di ridurre l’inquinamento ambientale, di migliorare l’isolamento termo-acustico e di determinare un miglior impatto ambientale’.

    Speriamo che la proposta venga accettata presto per poterci attivare anche noi per la trasformazione delle nostre città e delle nostre case in veri e propri polmoni verdi!