Innesto rose: come realizzarlo per il tuo giardino

da , il

    Innesto rose: come realizzarlo per il tuo giardino

    Ti occorre un innesto di rose per il tuo giardino? Tieni in mente che si tratta di un tipo di operazione che richiede una tecnica particolare che potrai apprendere e seguire leggendo questa guida. Di solito un innesto viene praticato per piante che crescono male nei nostri climi, per far crescere i frutti su di un albero da frutto privo di tale capacità, per salvare una pianta parzialmente marcita, e queste sono solo le motivazioni più comuni. Per realizzare l’innesto di rose occorre una talea dal rizoma di una rosa, delle cesoie, un germoglio semimaturo prelevato da una rosa coltivata, un vaso, un elastico, del terriccio, un coltello ed una busta di plastica. Il periodo migliore per l’innesto va dalla primavera ai primi di agosto.

    Cominciamo con il prendere le talee da un rizoma di rosa che abbia germogli di un anno, quindi ripariamoli in una serra calda o vicino ad una fonte di calore in casa a metà inverno, rimuoviamo i boccioli più basse e interriamole nel terriccio. Con l’inizio della primavera saremo pronti per l’innesto. Tagliamo il rizoma per una lunghezza non superiore ai 15 cm, quindi incidiamo sulla sua cima un taglio di 4 cm poco profondo verso l’alto, così da lasciare esposto il tessuto dalla pianta che deve rimarginarsi. In questo modo sia il ramo che la talea si rimargineranno insieme.

    Ora prendiamo una rosa coltivata e preleviamo da essa un bocciolo della lunghezza di 8 cm, quindi rimuoviamo le foglie partendo dalla più alta: stiamo creando la talea.

    Adesso dobbiamo incidere sulla sua sezione inferiore un taglio di 4 cm verso il basso, uniamo le due sezioni della pianta facendo combaciare i due tagli e, una volta posizionate, utilizziamo un elastico per legare l’innesto.