Le 10 donne più importanti nel mondo dell’architettura e del design

Scopriamo i grandi nomi femminili del mondo dell'architettura e del design con questa top ten delle donne che hanno fatto la storia. Da Lina Bo Bardi a Cini Boeri, da Charlotte Perriand a Denise Scott Brown, ecco le 10 donne più importanti di questi settori, vere pioniere che hanno portato una ventata di freschezza, genialità e innovazione tutta al femminile in questi ambiti professionali.

da , il

    Le 10 donne più importanti nel mondo dell’architettura e del design

    Quali sono le 10 donne più importanti nel mondo dell’architettura e del design? Si tratta di un settore che ha visto emergere nel corso del tempo molte donne dal gusto raffinato e più o meno eccentrico, pioniere dello stile che hanno rivoluzionato, ognuna a suo modo, il mondo del design e dell’architettura. Ne abbiamo selezionate 10 tra le più conosciute e geniali, designer famose del calibro di Cini Boeri e Odile Decq, Charlotte Perriand e Denise Scott Brown.

    Patricia Urquiola

    patricia urquiola

    Architetto e designer spagnola, Patricia Urquiola dopo gli studi al Politecnico di Madrid e di Milano, ha iniziato a collaborare con grandi nomi del design sfornando via via progetti ambiziosi come il museo del Gioiello di Vicenza, l’Hotel Mandarin Oriental di Barcellona, l’Hotel Das Stue a Berlino.

    Gae Aulenti

    piazza-gae-aulenti

    Ecco un vero genio dell’architettura: Gae Aulenti. Laureata anche lei al Politecnico di Milano, grazie alla collaborazione con Olivetti, apprende le basi del suo mestiere e del suo stile inconfondibile, caratterizzato dal recupero di luoghi storici in chiave moderna. Una donna che ha rappresentato a livello internazionale il talento femminile italiano nel campo dell’architettura; a lei è stata dedicata piazza Gae Aulenti a Milano, considerata tra le piazze più belle del mondo. Anche come designer ha realizzato pezzi unici, basti ricordare i vasi per Venini, i mobili Locus Solus, la poltrona a dondolo Sgarsul.

    Zaha Hadid

    Heydar Aliev Cultural Centre in Baku

    L’approccio di Zaha Hadid, un’altra delle donne architetto famose nel mondo, è improntato all’estetica del piacere, passando dalla matematica alla scultura, e tramutando le cose in nuove opportunità spaziali. Le sue costruzioni si caratterizzano per il largo impiego di strutture curve, forme dinamiche, leggere, ottenute anche grazie all’utilizzo di materiali nuovi come l’acciaio, la plastica, il vetro. Tra i progetti più grandiosi da lei realizzati si ricordano la stazione dei pompieri Vitra, il Forum di Tokyo, il MAXXI di Roma.

    Denise Scott Brown

    Nata aLakofski, Denise Scott Brown ha studiato architettura presso la University of the Witwatersrand di Johannesburg e poi presso la Architectural Association School of Architecture di Londra, continuando gli studi con master e specializzazioni anche dopo il trasferimento a Filadelfia col marito. E’ uno degli architetti più famosi del mondo, nota, non solo per i suoi progetti all’avanguardia, ma anche per il celebre libro “Imparare da Las Vegas”, in cui indagava le modalità di sviluppo delle città contemporanee.

    Odile Decq

    odile Decq

    L’impronta dark di Odile Decq è inconfondibile, non a caso viene soprannominata la rockstar dell’architettura. Conosciuta per i suoi progetti ad alto tasso di sperimentazione, Odile ha realizzato progetti grandiosi e innovativi come la Banque Populaire de l’Ouest di Rennes, il porto di Osaka, alcuni edifici dell’Università di Nantes, il Centro Operativo Autostradale di Nanterre.

    Kazuyo Sejima

    Vitra campus in Weil am Rhein

    La giapponese Kazuyo Sejima ha contribuito all’architettura nipponica sviluppando uno stile improntato su linee pulite, superfici lucide, finestre molto ampie per permettere alla luce naturale di filtrare negli ambienti, edifici funzionali e pratici. E’ stata la seconda donna a ricevere il Pritzker nel 2010 ed è anche diventata, nello stesso anno, insegnante nell’Università d’arte giapponese più celebre, la Tama Art University.

    Dorothy Draper

    dorothy draper (Photo Courtesy of the Collection of Dorothy Draper & Co. and the Carleton Varney Design Group)
    Photo Courtesy of the Collection of Dorothy Draper & Co. and the Carleton Varney Design Group

    Dorothy Draper è stata la prima donna ad aver creato un’azienda di interior design negli Stati Uniti, rivoluzionando da testa a piedi il concetto di design grazie a uno spirito all’avanguardia. Inventò il Barocco Moderno, uno stile che si adattava particolarmente all’architettura moderna.

    Charlotte Perriand

    Exhibitions: ''The light. Le Corbusier and Charlotte Perriand'' in Milan

    Architetto e designer francese, Charlotte Perriand è oggi considerata una delle fondatrici del design contemporaneo. Ha lavorato e collaborato a lungo con Le Corbusier e anche con altri grandi nomi: dal pittore Fernand Léger a Jean Prouvé fino a Lucio Costa. Realizzò sia mobili che allestimenti e interni di strutture famose.

    Cini Boeri

    Milanese di nascita, Cini Boeri è stata allieva e collaboratrice di Gio Ponti, finché non decise di mettersi in proprio nel 1963. La sua architettura si è sempre contraddistinta per il primato della funzionalità, che, nei suoi lavori, acquista un’importanza assoluta, anche al di sopra dell’estetica. Nel corso della sua carriera, ha vinto parecchi premi fra cui il premio Compasso d’Oro per il divano Strips.

    Lina Bo Bardi

    #theglasshouse #linabobardi #1950#brazilianmodernism #inigoaguirrephoto

    A post shared by Michael Dexter (@plantmandexter) on

    Lina Bo Bardi è una delle architetto italiane più famose del Novecento. Laureatasi a Roma e poi trasferitasi a Milano, diventa ben presto vicedirettore di Domus e fondatrice dei Quaderni di Domus e di A-Cultura della Vita. Dopo aver fondato il Movimento Studi Architettura, si trasferisce in Brasile col marito, fondando la rivista Habitat e costruendo la Casa de Vidro, in cui ora c’è la sede della sua fondazione.