Obesità: Natale mette a rischio anche cani e gatti

da , il

    Obesità: Natale mette a rischio anche cani e gatti

    Evitare di ingrassare durante le feste di Natale non è solo una prerogativa di noi donne: anche gatti e cani sono a rischio obesità. Gli avanzi dei cibi grassi e saporiti che fanno festa sulle tavole degli italiani possono essere davvero nocivi ai nostri amici a 4 zampe, soprattutto quelli che sono già in sovrappeso. ‘E’ festa anche per loro’ si pensa generalmente quando si riempie la ciotola di prelibatezze natalizie. Ma sono proprio gli animalisti a ricordarci che non bisogna esagerare soprattutto perché si tratta di alimenti superconditi e perché il maltempo li costringe a casa, più sedentari del solito.

    L’Aidaa, l’associazione italiana in difesa degli animali e dell’ambiente -la stessa che poche settimane fa aveva lanciato l’allarme abbandono dei cuccioli acquistati a Natale- ricorda ai proprietari di cani e gatti grassottelli poche e semplici regole per la salute degli amici domestici. In Italia, sono già due milioni i cani e un milione i gatti extralarge. ‘Dobbiamo imparare anche in questi giorni di festa a tenere il conto delle calorie-dice il presidente Lorenzo Croce- così come dovremmo fare per noi stessi, leggere le etichette dei cibi per animali e bilanciare sapientemente la loro dieta nei giorni immediatamente successivi’. E’ concesso qualche strappo alle regole solo se rimane, appunto, uno strappo; e preferibilmente dopo aver consultato il proprio veterinario.

    Non lasciamoci, dunque, intenerire dai languidi occhietti che elemosinano sotto le nostre tavole imbandite. L’obesità felina e canina è pericolosa alla stessa stregua di quella umana. Senza contare che allungargli il cibo mentre sediamo a pranzo è una cattivissima abitudine. Di cui ci pentiremo molto presto e soprattutto quando avremo nuovi ospiti a casa.