Orto fai da te: consigli utili ed errori da evitare

da , il

    Orto fai da te: consigli utili ed errori da evitare

    La coltivazione di un orto in passato era una pratica molto diffusa. Essa veniva praticata soprattutto dai nostri nonni e rappresentava una piccola fonte di sostentamento e di risparmio dato che molti prodotti venivano coltivati per uso familiare. Negli ultimi anni la coltivazione fai da te è tornata di moda e sono sempre più numerose le persone che si dedicano nel proprio giardino alla coltivazione di frutta, verdura e ortaggi. I motivi di questo ritorno alla tradizione sono molteplici. Alcuni si dedicano alla cura dell’orto per rilassarsi, altri per risparmiare, altri ancora per essere sicuri di alimentarsi con prodotti privi di sostanze nocive per la salute come pesticidi e fertilizzanti chimici.

    In ogni caso per dedicarsi alla cura dell’orto e ottenere buoni risultati è necessario avere una vera e propria passione! Tutti coloro che coltivano l’orto vorrebbero che il proprio raccolto fosse abbondante e soddisfacente, le piante fossero sane (per evitare l’impiego di prodotti fitosanitari) e che l’orto avesse un aspetto curato. Ottenere questi risultati però non è affatto semplice! Anzitutto occorre dedizione, continuità e non bisogna scoraggiarsi ai primi fallimenti in quanto è impensabile per coloro che si affacciano per la prima volta a questa pratica ottenere immediatamente ottimi risultati.

    In ogni caso per una buona riuscita del raccolto è fondamentale la scelta delle piante e delle varietà adatte (tendendo in considerazione il clima e il terreno), il controllo periodico da parassiti e malattie e l’impiego delle tecniche adatte. Inoltre bisogna stare attenti all’insorgere di problemi che all’inizio si manifestano sotto forma di piccoli fastidi ma successivamente, se non interveniamo tempestivamente, possono provocare danni al raccolto. Inoltre, ogni anno, è anche opportuno effettuare una rotazione della colture evitando quindi di riproporre uno stesso ortaggio o verdura (o dello stesso gruppo) nella stessa porzione di terreno.

    Per rendere l’orto più bello, invece, potete introdurre anche qualche pianta decorativa come girasoli, capperi o malva. Infine, potete riservare una porzione dell’orto o un’apposita aiuola alla coltivazione di un ortaggio che non fa parte solitamente delle vostre abitudini alimentari. In questo modo potrete sperimentare nuove tecniche ma anche nuovi sapori!