Orto in giardino: come preparare il terreno

da , il

    Orto in giardino: come preparare il terreno

    Coltivare un orto è una vera e propria passione; i nostri nonni, ma anche alcuni genitori, hanno fatto dell’orto una piccola fonte di sostentamento, grazie ai pomodori, alla lattuga e altri generi alimentari che esso produceva e che quindi non dovevano essere comprati. Non dimentichiamo il fatto che l’orto si può inserire contesto di casa ecologica, soprattutto se adattato all’interno di un giardino. Se volete accingervi a preparare il terreno per un orto è opportuno seguire alcuni consigli, poiché si va ad agire su un complesso ecosistema che richiede particolare attenzione.

    Iniziamo con l’apprendere una delle nozioni base: il suolo è costituito da due strati, quello attivo e più superficiale, che distribuisce nutrimento alle radici e quindi alle piante, e quello inerte, che inizialmente non viene utilizzato, ma che di solito si riporta in superficie quando c’è bisogno di sostituire lo strato attivo in seguito ad un eccessivo sfruttamento.

    Se abbiamo a disposizione un terreno che non è stato mai coltivato o che è incolto, bisognerà prima ripulirlo dai vari arbusti e dalle pietre, oltre che da eventuali rifiuti. Gli arbusti possono essere bruciati in modo da utilizzare le loro ceneri come fertilizzante per il terreno.

    Portata a termine questa fase, si può cominciare a zappare, andando molto in profondità, in modo da essere sicuri di eliminare tutte le piante infestanti; queste sono rapidissime a ricrescere, ma presentano il vantaggio di poter essere utilizzate come concime una volta estirpate. Rivoltare la terra, per rigenerarla, è un processo che va compiuto con molta accuratezza.

    Infine sarebbe opportuno utilizzare, soprattutto per la prima coltura, del letame maturo che favorisca lo sviluppo della flora batterica e delle condizioni chimiche ideali per rendere il terreno adatto alla crescita delle piante e degli ortaggi.