Pannelli solari: la svolta ecologica che sta prendendo piede anche in ambito domestico

da , il

    Pannelli solari: la svolta ecologica che sta prendendo piede anche in ambito domestico

    Lo sfruttamento dell’energia solare è possibile da molti anni, ma solo di recente si è cominciata a diffondere una cultura popolare riguardo ad essa, almeno in Italia. Come al solito siamo i fanalini di coda i Europa, ma grazie ad alcune iniziative, come Eternit Free, promossa da Legambiente e AzzeroCO2, la sensibilizzazione riguardo le energie rinnovabili si fa più consistente; il progetto consiste nel bonificare l’amianto presente sul territorio italiano, sostituendolo con dei pannelli fotovoltaici.

    Questo tipo di impianti, tra l’altro, può essere anche a costo zero, grazie sia agli incentivi statali in Conto Energia. In cosa consistono? Praticamente si ricevono dei finanziamenti che comprendono l’installazione e lo smantellamento degli impianti (il ciclo di vita previsto è di 25 anni), mentre l’energia prodotta in eccesso viene rimessa nelle rete elettrica nazionale. Quindi si consuma energia gratuitamente e se ne produce anche per il resto del fabbisogno nazionale. In questo modo si possono abbattere notevolmente, fino ad azzerarli, i costi energetici, semplicemente mettendo a disposizione il proprio tetto o magari un’altra piccola area dell’abitazione particolarmente esposta al sole. Allora perché solo pochi comuni si sono mossi in favore di questa politica? Il problema purtroppo risiede nella volontà del governo di produrre energia tramite le centrali nucleari, nonostante uno studio condotto e pubblicato da John Blackburn, docente della Duke University in North Carolina, che mostra come l’energia solare abbia ormai superato l’energia nucleare in base al rapporto produzione energetica-costi.