Pavimenti autoposanti: addio colla, ora le piastrelle si agganciano

da , il

    Pavimenti autoposanti: addio colla, ora le piastrelle si agganciano

    Le rivoluzioni sono sempre ben accette, specie se ci fanno risparmiare soldi, fatica e tempo. Da qualche anno sono sul mercato nuove tipologie di pavimenti chiamati autoposanti o autobloccanti. Di cosa si tratta? Sono piastrelle in Pvc o altro materiale dotate di un sistema ad incastro che permette una posa senza l’utilizzo di colle e soprattutto sono immediatamente calpestabili. Rappresentano il prodotto ideale per case nuove e vecchie e possono essere collocate sopra un nuovo massetto o su pavimenti preesistenti; inoltre, all’occorrenza è possibile rimuoverle in poco tempo senza attrezzatura, evitando di rompere.

    Faenza Clip Tile è l’ultima trovata nel campo dei rivestimenti interni e consiste in piastrelle di gres porcellanato dotate di un telaio plastico con aggancio automatico, che permette la messa in posa in modo rapido, semplice e pulito. L’incastro quindi si basa sul concetto delle costruzioni giocattolo: le clip che si agganciano e il pavimento è fatto. Non necessita di pulizia finale o di fuganti e rappresenta una soluzione economica perché, oltre al risparmio sulla colla e sulla manodopera, le piastrelle si possono tranquillamente sovrapporre alle superfici presenti, qualunque esse siano. Altri vantaggi dei pavimenti ad incastro sono la semplicità nella rimozione e nella nuova posa (in caso una piastrella si rompa ad esempio), la massima aderenza alla superficie sottostante, le buone proprietà fonoassorbenti e antiallergiche e l’assenza di emissioni. Le dimensioni disponibili sono espresse nei formati 31×31 cm (con spessore 10mm) e 50×50 cm (con spessore 12mm), con un costo di partenza pari a 62€ m/q.