Piadina romagnola originale: la ricetta

da , il

    Piadina romagnola originale: la ricetta

    Avete avuto la fortuna di gustare la piadina romagnola originale e adesso volete tentare di replicarla in casa? Bene. Eccovi la ricetta. Armatevi della giusta dose di buona volontà e degli ingredienti giusti ed il gioco è fatto.

    Per ottenere la piadina romagnola originale occorre: farina, olio di oliva (o strutto se volete attenervi alla più antica tradizione romagnola), lievito di birra, un cucchiaino di zucchero, un bicchiere di acqua frizzante e uno di latte tiepido e per finire un pizzico di sale.

    Versate la farina su un piano, formate una fontana all’interno della quale inizierete a versare via via tutti gli ingredienti lasciando il sale per ultimo. Sciogliete quindi il lievito di birra nel latte tiepido nel quale avrete precedentemente versato il cucchiaino di zucchero. Per un kg di farina un cubetto di lievito del peso di 25 grammi sarà più che sufficiente, invece per quanto riguarda la quantità di olio o strutto 80 grammi sono quelli giusti. Lavorate con cura, fino a ottenere un impasto liscio, dopo di che lasciatelo a riposare per almeno un’ora.

    Trascorso il tempo necessario formate dei cerchi del diametro di circa 20 cm aiutandovi con un mattarello. Per quanto riguarda lo spessore della piadina romagnola in realtà non è standard, ma varia a seconda delle usanze della zona in cui viene prodotta, ad ogni modo non dovrebbe mai superare il mezzo centimetro.

    Se volete replicare la tradizione anche nella cottura dovrete procurarvi i cosiddetti ‘testi‘, che sono speciali dischi di terracotta refrattaria, arenaria o altra pietra resistente al calore, o di ghisa, messi ad arroventare sulle braci di legna o carbonella o per chi non ha questa possibilità sul fuoco del gas. Ovviamente se non avete i testi a disposizione anche una padella di ferro potrà andar bene.

    Fate cuocere la vostra piadina romagnola prima da una parte e poi dall’altra, bucherellandola con la forchetta, nei punti in cui dovessero formarsi delle bolle e infine servitela ancora calda con il condimento prescelto.

    Foto di AmUnivers