Piante di Natale, l’abete

da , il

    Piante di Natale, l’abete

    L’abete è il simbolo classico del Natale in tutto il mondo occidentale e questo deriva da alcune tradizioni molto antiche. Viene considerato tale forse per la sua maestosità ed è simbolo dell’Albero Cosmico che in tutte le culture rappresenta la manifestazione ‘divina’ del cosmo. L’abete è presente anche nella tradizione cristiana e cattolica ma non solo, molte sono le leggende legate a questo albero e per molte ragioni simili tutti noi ogni anno facciamo l’albero di Natale. Vediamone qualcuna insieme.

    Nell’Antico Testamento l’abete viene chiamato Albero della Vita, ed è proprio quello piantato al centro dell’Eden e dal quale Adamo ed Eva possono nutrirsi.

    Molti identificano con l’albero la figura di cristo e sarebbe per questo che si appenderebbero le palline e le luci proprio perchè sarebbe l’energia che lui emanerebbe.

    C’è un’altra leggenda che dice che la storia dell’albero di Natale si dice risalirebbe alla Germania del XVI secolo, dove si dice che esisteva un albero decorato con elementi naturali e che campeggiava nella piazza principale nel periodo di Natale per festeggiare il passaggio dall’autunno all’inverno. In tutti i paesi del Nord Europa questa tradizione è rimasta a lungo pagana senza alcuna influenza religiosa.

    Secondo altri l’albero di Natale viene dall’Egitto in quanto il pino assomiglia a una piccola piramide, e sarebbe stato un viaggiatore a riportare l’idea di imitare le piramidi con un albero dalla terra dei faraoni in Europa .

    Ma la leggenda bella è quella che narra di un taglia legna che, tornado a casa in una notte ghiacciata illuminata dalla luna, vide uno spettacolo meraviglioso: le stelle che brillavano attraverso i rami di un pino ricoperto di neve e di ghiaccio. Quando dovette spiegare alla moglie la bellezza di quello che aveva visto decise di tagliare un piccolo pino, di ricoprirlo di nastri bianchi e di piccole candele per rappresentare il ghiaccio, la neve e le stelle.

    La moglie, la gente e i bambini del vicinato furono così meravigliati di vedere l’albero e sentire il racconto del taglia legna che da allora ogni casa ebbe il suo albero di Natale.