Piante tossiche, attenzione ai bambini!

da , il

    Piante tossiche, attenzione ai bambini!

    Le piante normalmente vengono utilizzate in casa o in giardino per scopi ornamentali e per arredare gli ambienti. Alcune specie, per via delle loro proprietà, trovano anche altri impieghi ad esempio nel trattamento di diverse patologie, in campo farmaceutico e cosmetico e per la preparazione di infusi e tisane. Siamo soliti cioè riferire alle piante proprietà sempre benefiche per noi e per l’ambiente circostante. Tuttavia, alcune specie possono contenere delle sostanze tossiche e quindi provocare danni alla salute. Soprattutto se in casa ci sono dei bambini è fondamentale controllare le piante che scegliamo.

    I bambini, infatti, si avvicinano spesso alle piante specie se attratti dai colori sgargianti. Non è improbabile che ne ingeriscano anche una certa quantità. La stessa cosa può capitare anche a un cane o a un gatto. In ogni caso è sempre meglio consultare uno specialista e non improvvisarci medici o veterinari. Le sostanze tossiche maggiormente presenti nelle piante sono i glicosidi (se ingerite in grandi quantità queste sostanze possono causare avvelenamento), le saponine (molto simili ai glicosidi che possono distruggere i globuli rossi causando gravi danni all’organismo, che tuttavia se assunte in piccole quantità non causano danni rilevanti) e gli alcaloidi (comunemente impiegati in ambito farmaceutico, queste sostanze se ingerite in modo non corretto possono provocare gravi danni all’organismo poiché agiscono direttamente sul sistema nervoso).

    In caso di ingestione (soprattutto se in dosi eccessive) occorre rivolgersi agli specialisti e non improvvisarsi medici utilizzando metodi e rimedi fai da te! Fondamentale, dunque, quando acquistiamo le piante e, soprattutto in presenza di bambini, accertarsi che non contengono sostanze nocive!