Poltrone e divani: linea Adele-C di Adele Cassina esprime gusto e raffinatezza

da , il

    Le proposte di Adele Cassina, sulle orme del Padre Cesare, non perdono lo stile e il design curato e particolare che le ha distinte. La linea Adele-C fa sfoggio di qualità artigianali di prim’ordine unite ad una filosofia di pensiero che esprime un linguaggio proprio, basato su ridondanze poetiche. Le geometrie sono importanti e si palesano in forme sia morbide che nette, non sempre simmetriche ma al tempo stesso armoniche e voluttuose. Insomma, la linea Adele-C vive il quotidiano e lo trasmette in modo diretto, destreggiandosi con stile ed eleganza tra una moltitudine di colori e di caratteri.

    Tra i pezzi che suscitano maggiore attenzione si segnalano la poltrona Zarina, il divano Charmin e la seduta componibile Passepartout.

    Iniziamo dalla poltrona Zarina, una rivisitazione di un progetto di Cesare Cassina, che Adele ha voluto riproporre facendo uso di tonalità accese e in forte contrasto, come il viola ed il giallo ocra.

    Passiamo quindi all’altro elemento di rilievo, il divano Charming, lungo circa due metri e caratterizzato da una forma morbida, asimmetrica, avvolgente e sensuale che ricalca il design dei divani di fine ‘800 e inizio ‘900. Il retro schienale in lino grezzo assume le sembianze di una bocca fumettata, definita dai contorni in tessuto, più in rilievo rispetto alla parte interna, che disegnano due labbra tra cui è possibile immaginare una dentatura, suggerita dall’alternarsi di righe orizzontali bianche e grigio scuro.

    Concludiamo con la seduta componibile Passepartout, un componibile nel vero senso della parola, al 100%; si può giostrare liberamente con ogni elemento per ottenere il risultato desiderato. Le linee dritte e decise determinano una estrema precisione negli incastri.