Pranzo di Natale a base di pesce: qualche idea

da , il

    Pranzo di Natale a base di pesce: qualche idea

    Se volete preparare un pranzo di Natale a base di pesce, in questo articolo vi propongo qualche idea sfiziosa e originale.

    Per un pranzo di Natale a base di pesce che si rispetti sarebbe opportuno prevedere almeno 5 portate: cioè 3 diversi tipi di antipasti, un primo rappresentato da una pasta o un risotto e un secondo piatto rappresentato da una grigliata o frittura mista o da un’unica tipologia di pesce. E per finire un goloso dessert.

    Degli antipasti sfiziosi per un pranzo di Natale a base di pesce potrebbero essere rappresentati dai classici crostini al salmone affumicato conditi con riccioli di burro, pepe e limone, accompagnati da un’insalata di polpo

    condita con olio, sale, pepe, pezzetti di sedano e limone e una spolverata di prezzemolo e per finire cozze gratinate per gradire. Una seconda variante potrebbe essere rappresentata da un tris fatto da zuppa cozze e arselle, seguita da ostriche al limone e crostini al burro con uova di storione. Infine, una terza alternativa di antipasti potrebbe essere quella che vede abbinati gamberetti o polpa di aragosta serviti in salsa cocktail, voulent ripieni di polpo lesso in salsa rosa guarnito di foglie di prezzemolo o con una salsa tonnata ottenuta frullando insieme il tonno, la maionese ed i capperi e infine aringhe marinate al limone.

    Come primi piatti ideali per un pranzo di Natale a base di pesce le alternative sono numerose: tra le più classiche troviamo quella del risotto ai frutti di mare preparato con del buon pesce fresco come cozze, vongole, gamberi e calamari ma il tipo di pesce può variare a seconda dei propri gusti o in base alla disponibilità dello stesso, pennette agli scampi da preparare con pomodori pelati, panna da cucina, pinoli, aglio, peperoncino fresco, mezzo bicchiere di brandy, prezzemolo, olio, sale o ancora spaghetti alle vongole da condire con olio, sale, pepe, aglio e prezzemolo. Per i palati più raffinati consiglio invece un risotto alla crema di salmone leggero e delicato, penne alla polpa di granchio o in alternativa gnocchetti di trota con pomodorini.

    Ma il vero pezzo forte in un pranzo di Natale a base di pesce sono i secondi: potete optare per una grigliata mista con pesce come orate, spigole, seppie e anguille o una frittura mista a base di anelli di calamari, gamberetti e scampi o se preferite un’unica tipologia di pesce come la sogliola, l’aragosta o l’astice. Se optate per la sogliola un modo sfizioso per cucinarla è ‘alla mugnaia‘ vale a dire infarinata e saltata in una padella antiaderente nel burro sfrigolante. Dopo di che andrà salata e adagiata su un bel piatto da portata, spolverizzata con del prezzemolo tritato, condita con succo di limone e il burro avanzato in padella e servita calda. Se, invece preferite l’aragosta potete cuocerla al vapore e non appena la carne sarà tenera, potrà essere privata del guscio e affettata. Prima di servirla condite la vostra aragosta con olio d’oliva, aceto, olive nere, buccia d’arancia, sale e pepe. Infine, per l’astice vi consiglierei di gratinarlo al forno. Come? Presto detto: togliete la crosticina al pancarré, passate le fette al mixer, condite con paprica, aglio tritato, prezzemolo, sale, pepe e un cucchiaio di olio. Aprite l’astice a metà per il lungo, disponetelo su una placca, cospargetelo abbondantemente con il pane aromatico preparato, premendo per farlo aderire bene alla polpa; conditelo poi con 1 cucchiaio d’olio, il burro in fiocchetti e passatelo in forno già a 200 gradi per 12 minuti circa.

    E il dessert? Massima libertà, ad ogni modo i dolci ideali per concludere un pranzo di Natale a base di pesce sono quelli al limone: mousse, budini o cheese cake.

    Foto di avidaola