Pranzo di Natale vegetariano: qualche idea

da , il

    Pranzo di Natale vegetariano: qualche idea

    Avete degli ospiti che disdegnano le proteine animali e siete alle prese con la preparazione di un pranzo di Natale vegetariano? Niente paura. In questo articolo voglio darvi qualche idea su cosa cucinare in questi casi.

    Vi renderete presto conto che la gamma di cibi con cui preparare un buonissimo pranzo di Natale vegetariano dagli antipasti ai primi e secondi piatti, in realtà, è più vasta e variegata di quanto abbiate potuto pensare in un primo momento.

    Un pranzo di Natale che si rispetti non può che iniziare con degli stuzzichini da servire insieme ad un buon aperitivo. Un antipasto vegetariano implica la necessità di scartare salumi, cocktail di gamberi o tartine al tonno e salmone, ma in compenso lascia spazio a tante gustose verdure da friggere in pastella come broccoletti, zucchine, cardi; alle melanzane grigliate da servire arrotolate o ancora dei voulevant ripieni con funghi, crema d’asparagi o altre creme vegetali. Se volete preparare la classica bruschetta invece, delle idee golose per condirla sono rappresentate da cubetti di pomodoro, patè di olive o carciofi o ancora crema di peperoni. A tavola saranno gradite anche delle olive verdi già snocciolate, patate lesse e asparagi gratinati, che oltre che come antipasto possono fungere da perfetti contorni per i vostri secondi piatti.

    Veniamo ai primi. Un classico primo piatto da pranzo di Natale è rappresentato dalle lasagne al forno, gustose e prelibate, quelle tradizionali al ragù possono essere sostituite da una variante vegetariana. Le lasagne vegetariane possono essere preparate in tanti modi: con spinaci e piselli, funghi, zucchine e patate e chi più ne ha più ne metta. Andranno condite con abbondante besciamella e tutti gli aromi che più allietano il vostro palato. Un’alternativa alle lasagne vegetariane può essere rappresentata da un risotto vegetale. Tra i più gustosi troviamo: il risotto al radicchio, quello ai funghi o ai carciofi, risotto alla zucca o allo zafferano o se volete essere davvero chic un delicatissimo risotto al limone. Veniamo alle paste. Tra le più prelibate che prevedono l’impiego di prodotti vegetali ritroviamo certamente la pasta alla norma a base di melanzane, le pennette alla boscaiola a base di funghi, pomodoro e prezzemolo e le gustose pappardelle al tartufo.

    E come secondi piatti? In apparenza qui le difficoltà dovrebbero essere maggiori in quanto tradizione vuole che la seconda portata sia costituita in genere da una pietanza a base di carne o pesce. In un pranzo di Natale vegetariano, invece, carne e pesce saranno egregiamente sostituiti da torte salate da preparare con la pasta sfoglia o pasta brisè da farcire a piacimento con una gamma pressoché sconfinata di ortaggi e verdure: dalle patate ai piselli, dagli spinaci ai peperoni, dai funghi ai carciofi e chi più ne ha più ne metta. Un’alternativa alle torte salate è rappresentata dagli sformati di verdure, tra i più prelibati troviamo: lo sformato si patate, lo sformato di cavolfiore, lo sformato di fagiolini, lo sformato di zucchine, quello di spinaci, di cardoni, di porri e la lista si potrebbe allungare all’infinito.

    Potete concludere il vostro pranzo di Natale vegetariano con un dolce a scelta tra una mousse delicata al cioccolato, al caffè o al limone o una torta di riso o di carote o ancora crostata di frutta o alla marmellata.

    Foto di fcastellanos