Punture d’ape, come intervenire

da , il

    Punture d’ape, come intervenire

    Le api sono insetti che si preoccupano solo di nutrirsi e lavorare per produrre dell’ottimo miele, ma purtroppo incontrano spesso gli umani e cercano di evitarli accuratamente, ma se le persone le irritano, loro per tutta risposta le pungono. Purtroppo a volte può capitare di essere in uno spazio aperto e di imbattersi in un’ape e presi dall’istinto si cerca di cacciarla via in malo modo e dopo qualche istante ci si ritrova con una puntura d’ape molto dolorante. Sarebbe meglio evitare ogni tipo di contatto con questi insetti, ma in questo post vorrei illustrarvi come intervenire su una puntura d’ape nel modo migliore per la vostra salute e per evitare infezioni.

    Il primo consiglio che intendo darvi è di evitare di infastidire le api che vi si avvicinano per evitare le punture. Sappiate che se non siete allergici le punture d’ape saranno soltanto dolorose e fastidiose, ma intervenendo correttamente non vi lasceranno alcun segno. Quindi è importante sapere come intervenire con il fai da te se un’ape punge voi o una persona che vi sta vicino. Dopo che un’ape vi ha punto dovrete immediatamente verificare se il pungiglione è rimasto nella vostra pelle o meno. Se il pungiglione è rimasto nella vostra pelle dovrete rimuoverlo il più in fretta possibile e potrete farlo utilizzando una comune pinzetta per le sopracciglia, cercando di non fare troppa pressione e di non toccarlo in mezzo, altrimenti rilascerà ancora il velendo che era rimasto dentro. Una volta eliminato il pungiglione è fondamentale disinfettare la ferita che vi ha provocato con un normale disinfettante e del cotone idrofilo. Poi andate in farmacia ed acquistate un prodotto apposito da mettere sulla puntura d’ape per non farle fare infezione e coprite con delle garze la ferita se dovete uscire e stare esposti al sole. La zona sarà gonfia e molto rossa ed è consigliabile raffreddarla con degli impacchi d’acqua fredda di tanto in tanto e lavarla con un sapone neutro tutti i giorni per mantenerla pulita. Il rossore ed il gonfiore passeranno nel giro di una settimana.