Punture di zanzare: come difendere cani e gatti dalla filariosi

da , il

    Punture di zanzare: come difendere cani e gatti dalla filariosi

    Con il caldo e la primavera che va sempre più inoltrandosi i rischi per gli animali domestici più diffusi, come i cani ed i gatti tornano a farsi vivi, soprattutto a causa della filariosi, una delle malattie più aggressive, trasmessa attraverso la puntura di zanzara. Tuttavia è possibile prevenirla e poter portare a spasso con tutta tranquillità, per i parchi e per la città, i nostri amici a quattro zampe. È sufficiente infatti un farmaco sotto forma di tavoletta masticabile, dal sapore di carne, che deve essere somministrata dopo un colloquio con il veterinario; grazie ad essa si blocca l’infezione del parassita nelle prime fasi, dopo le quali altrimenti la filariosi diventerebbe molto pericolosa.

    La filariosi si presenta sotto due forme: quella cardiopolmonare e quella sottocutanea, ma in entrambi i casi il vaccino non rappresenta una forma di difesa efficace, come per le altre malattie infettive; il farmaco orale invece permette l’eliminazione di larve depositate anche un mese prima dell’inizio del trattamento, dunque ha una funzione retroattiva, come afferma il professor Claudio Genchi della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Milano. La terapia deve poi essere ripetuta ogni 30 giorni fino alla fine del periodo ritenuto a rischio di trasmissione.

    Le aeree più interessate dalla diffusione della filariosi, sia nella forma cardiopolmonare che in quella sottocutanea, sono la Pianura Padana, la Toscana, il Lazio, l’Abruzzo, la Sardegna e la Sicilia.

    Per fortuna basta davvero poco per preservare la salute dei nostri animali domestici.