Riscaldamento domestico: come ottimizzarlo

da , il

    Riscaldamento domestico: come ottimizzarlo

    Quello del riscaldamento domestico è un problema serio che vivono tantissime famiglie italiane, ma nel XXI secolo dovremmo essere abbastanza attrezzati per affrontare tranquillamente il freddo invernale. Purtroppo non è così, nonostante le case siano dotate di impianti di riscaldamento anche molto potenti. Non c’è cosa peggiore che tornare a casa e trovarla fredda, benché i termosifoni siano stati accesi tutta la giornata, e pagare anche bollette da capogiro. Quello che si tralascia, spesso, è che una casa calda ed accogliente prevede non solo un riscaldamento adeguato, ma anche un isolamento eseguito ad hoc, altrimenti il calore si disperde facilmente e non si accumula.

    Come si può intuire, la prima cosa da fare è sigillare porte e finestre per evitare agli spifferi di infiltrarsi dentro casa, aumentando così l’efficienza del riscaldamento ed il risparmio energetico.

    Per isolare porte e finestre possiamo servirci della gommapiuma adesiva già tagliata a strisce, facilmente reperibile in un qualunque ferramenta o in uno di questi ipermercati del fai da te; possiamo scegliere anche il colore della gommapiuma, in modo da integrarlo meglio nell’arredamento preesistente. Per individuare gli spifferi basta passare le mani lungo la superficie perimetrale degli infissi e sentire l’aria (il compito sarà più semplice durante una giornata ventosa). Applicate quindi la gommapiuma nei punti che ritenete scoperti e assicuratevi che la chiusura delle finestre avvenga correttamente.

    Non dimenticate di dare un’occhiata ai termosifoni: poggiateci una mano sopra per sentire se sono bollenti, altrimenti fate uscire un po’ di aria girando la manopolina laterale. Se non siete ancora soddisfatte della resa del vostro impianto di riscaldamento, ma non disponete di un budget adeguato per rinnovarlo, potete sempre provare ad aumentare il numero di elementi dei termosifoni per sviluppare più calore.