Risparmiare sulla spesa: i consumi possono essere ridotti di 3.500 euro

da , il

    Risparmiare sulla spesa: i consumi possono essere ridotti di 3.500 euro

    Il risparmio sulla spesa resta la variante della voce costi al momento più controllata. Visto che tasse e bollette sono praticamente fuori dalla nostra giurisdizione, la spesa al supermercato presenta ancora un margine di risparmio. Non ovunque però. Secondo un’indagine di Altroconsumo, i supermercati con prezzi più bassi, in media, si trovano a Pisa e Firenze, mentre ad Arezzo c’è quello in assoluto più economico. Tra prodotti di marca in offerta, quelli con la il brand del supermercato e i discount si possono risparmiare mediamente 1.500 euro l’anno (calcolati come differenza di spesa tra la rivendita più costosa e quella più economica), con picchi di 3.500.

    Per arrivare a mettere da parte l’ultima somma, è necessario fare spesa principalmente negli hard discount, ma questa opzione non è consigliata. I discount sono convenienti per quanto concerne alcuni prodotti per la pulizia di casa (tipo detersivi, spugne, pezze, scope e ricambi), alimentari confezionati e la frutta. A volte è presente merce di marca a prezzi decisamente scontati.

    La migliore soluzione consiste nella ricerca dei prodotti più convenienti in diversi supermercati, o meglio, nell’acquisto diretto dal produttore. Chi ha tempo può dedicarsi allo studio dei volantini e aspettare le varie offerte, mentre gli altri possono appoggiarsi ai prodotti con il marchio del supermercato.

    Molti di essi, infatti, provengono dagli stessi stabilimenti che producono merce ben più accreditata, utilizzando quindi i medesimi ingredienti, e variando solo (ma non sempre) nei metodi di preparazione. La genuinità, però, dovrebbe essere garantita.

    Basta provarne alcuni e testarne la qualità.