Tutte le tecniche di potatura delle piante

da , il

    Tutte le tecniche di potatura delle piante

    Potare correttamente un albero è indispensabile per permettere alla pianta di svilupparsi al meglio. Viceversa, potare male significa arrecare un grave danno a una pianta. Quindi, per non danneggiare le nostre piante, è indispensabile conoscere le varie tecniche di potatura.

    Potatura in fase giovanile

    La messa a dimora delle piante è una delle fasi più delicate e più importanti per consentirne il corretto sviluppo. Inoltre, nei primi anni dalla messa in dimora, una pianta necessita di maggiori cure ed attenzioni. In questo periodo, anche i controlli devono essere più frequenti e i tagli cesori di guida più accurati. Infine, è fondamentale eliminare dalle piante il maggior numero di difetti strutturali, come rami codominanti, biforcazioni o tronchi con fenditure verticali. In generale è consigliabile effettuare tagli di allevamento (ogni 2 anni e finche la pianta non avrà 10-15 anni ) solo dopo la completa affrancatura dell’albero.

    Potatura in forma obbligata e tagli architettonici

    La potatura in forma obbligatoria è quel tipo di potatura che permette di dare alle piante differenti forme anche particolari ed originali. Questo tipo di tecnica prevede interventi e speronature (costanti nel tempo) sui ricacci dell’anno. Inoltre, è consigliabile non cambiare la forma data a una pianta quando questa si è ben consolidata.

    Potatura da riforma

    La potatura da riforma viene utilizzata generalmente per recuperare gli alberi rovinati da precedenti tagli o da scavature. Questi alberi normalmente presentano vari punti di debolezza, cavità, marciumi e in alcuni casi anche l’apparato radicale risulta compromesso o più debole. In questi casi, gli interventi devono essere effettuati ogni 3-4 anni e sono finalizzati ad eliminare o sfoltire, la vegetazione troppo fitta o in sovrannumero.