Adhd: fast food responsabili della sindrome

da , il

    Adhd: fast food responsabili della sindrome

    Si parla sempre più spesso della necessità che i bambini non consumino troppi pasti al fast food e di come questa debba essere un’occasione eccezionale nell’alimentazione dei piccoli. A conferma di ciò arriva un nuovo studio che mette in relazione una dieta ricca di grassi (di cui i pasti al fast food sono ricchi) con la sindrome dell’Adhd (Sindrome da deficit di attenzione e iperattività). Il disturbo da deficit d’attenzione ed iperattività (Adhd) è un disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria che rende difficoltoso e in taluni casi impedisce il normale sviluppo e l’integrazione sociale dei bambini. Ebbene questa sindrome potrebbe essere collegata allo stile di alimentazione del mondo occidentale, ricco di cibi grassi e povero di frutta e verdura.

    Lo sostiene uno studio del Telethon Institute for Child Health Research di Perth (Australia) pubblicato sulla rivista Journal of Attention Disorders. In base ai dati in loro possesso (ottenuti studiando 115 a adolescenti a cui era stata diagnosticata la sindrome) i ricercatori hanno concluso che una dieta-spazzatura ‘è associata ad un rischio più che doppio di una diagnosi di Adhd’.

    Sembra infatti che i 115 adolescenti esaminati consumassero in prevalenza pietanze grasse, fritture, cibi da asporto, insaccati, carni rosse e latticini. Sotto accusa, quindi, anche le lavorazioni industriali con cibi sempre più ‘artificiali’. Questa e simili ricerche non devono essere prese sotto gamba dai genitori ma devono essere un incoraggiamento a cambiare le abitudini alimentari dei piccoli preferendo frutta, verdure e pesce.