Alcol in gravidanza: qualche bicchiere è concesso?

da , il

    Alcol in gravidanza: qualche bicchiere è concesso?

    Più volte abbiamo sottolineato la pericolosità di bere alcol in gravidanza: conseguenze nocive possono infatti riguardare, secondo quanto attestato dalla medicina dominante, sia la futura mamma che il feto. Molti studi hanno posto in evidenza effetti collaterali del consumo di alcol durante la gestazione non solo a livello fisico ma anche psicologico. Per questo appare discutibile o quantomeno controtendenza una nuova ricerca, condotta presso l’University College di Londra, con la collaborazione di altri tre centri inglesi.

    Stando ai risultati di questo studio, che probabilmente farà discutere, bere qualche drink alcolico quando si è incinta non nuoce in alcun modo al feto. Per arrivare a questa conclusione sono stati condotti dei test sperimentali su un campione di circa 11 mila bambini di cinque anni di età. Le mamme di alcuni di essi hanno ammesso di essersi concesse qualche bicchiere quando erano incinta e a distanza di cinque anni a quanto pare i figli non presenterebbe particolari problemi fisici, comportamentali o psichici ricollegabili a questa tentazione. I dati confermano però tali rischi nel caso in cui la donna abusi di alcol. Maggiori dettagli sulla ricerca si trovano sulla rivista scientifica Journal of Epidemiology and Community Health. Che ne pensate? Secondo me non è mai opportuno creare allarmismi: se una donna scopre di essere incinta al secondo mese e nelle prime settimane di gravidanza si è concessa incosciamente qualche bicchiere di vino non bisogna cadere nel panico ma questo non deve neppure significare lasciarsi andare in senso opposto e cedere con non curanza ai vizi. La gravidanza è un periodo delicato e le donne con il pancione devono sottostare a regole precauzionali per la loro tutela e quella del proprio bambino.