Alcolisti, figli a rischio di obesità

da , il

    Alcolisti, figli a rischio di obesità

    L’alcolismo è una malattia, questo è stato più volte appurato ma mai potevo pensare a tanto, secondo un recente studio i figli di alcolisti hanno maggiori probabilità di soffrire di obesità infantile rispetto ai bambini nati in una famiglia senza alcun problema di alcolismo. Lo studio, condotto dai ricercatori della Washington University di St. Louis, Missouri, voleva cercare un nesso tra l’abuso di alcool nella storia famigliare e l’obesità, nesso davvero inusuale eppure reale.

    I ricercatori hanno analizzato i dati che provenivano da due diverse indagini che coinvolgevano l’alcolismo dal 1990 al 2000 e hanno coinvolto oltre 75.000 persone. I risultati hanno dimostrato come chi dimostrava una storia familiare di alcolismo aveva molte più probabilità di risultare obeso rispetto a chi non ha mai visto la malattia dell’alcolismo in famiglia.

    Il motivo, sempre secondo i ricercatori, è da attribuirsi alle cattive abitudine che le famiglie con componenti alcolisti al suo interno dimostrano molto spesso, a quanto pare questi nuclei famigliari si nutrono di cibo spazzatura, i bambini mangiano di più mentre il genitore beve di più.

    Inoltre gli studi hanno dimostrato che le persone analizzate verso il 2000 hanno ancora maggiori possibilità, se con alcolisti in casa, di diventare obesi rispetto a quelli del 1990. Il cibo di oggi è effettivamente più grasso e calorico rispetto a quello di qualche anno fa. I nutrizionisti di tutto il mondo e gli scienziati non ne fanno un mistero il cibo spazzatura crea una dipendenza simile a quella creata dall’alcool.

    Sembra incredibile ma la conclusione appare ovvia, mentre ieri i figli di alcolisti venivano ritenuti più a rischio di alcolismo, chi attribuiva il rischio alla genetica, teoria smentita, chi a un fattore psicologico, oggi non è più l’alcool l’alimento usato per colmare il vuoto ma il cibo spazzatura, cibo che fa ingrassare e, esattamente come l’alcool, altera umore, aspettative e qualità della vita.