Autonomia bambino: quando vuole fare da solo

da , il

    Autonomia bambino: quando vuole fare da solo

    C’è una fase particolare dello sviluppo del bambino, che va dai 18 ai 24 mesi, in cui questi prende maggiore consapevolezza di sé, della sua personalità e delle sue capacità. E’la fase in cui il bambino comincia a dire i primi ‘no’, ma anche quella in cui reclama una maggiore indipendenza dalla mamma e dal papà nello svolgimento di alcune azioni quotidiane che lo riguardano. La frase tipica di questo periodo è ‘lo faccio da solo’. Si tratta di una tappa di fondamentale importanza che deve essere seguita dai genitori evitando quegli errori che comprometterebbero la fiducia in sé stesso del piccolo. In questo periodo il bambino potrebbe voler cominciare a vestirsi e mangiare da solo o a proporsi per aiutare in qualche faccenda domestica.

    Le conseguenze sono note a molte mamme: piatti rotti, vestitini sporchi, acqua per terra in bagno o in cucina. In queste circostanze, i genitori, potrebbero essere portati a perdere la pazienza e sostituirsi al piccolo che, invece, ha manifestato la volontà di portare a termine da solo una certa operazione. Sono proprio questi, due tra gli errori da evitare. Perdere la calma e sentenziare sull’operato del bambino lo sfiducia notevolmente e può farlo innervosire ancora di più. E’ fondamentale, invece, incoraggiare la voglia di autonomia del piccolo, rispettare i suoi tempi di apprendimento (che possono variare notevolmente da bambino a bambino) e non sostituirsi a lui quando il piccolo impiega tempo per portare a termine la sua ‘impresa’.

    La parola d’ordine è, ancora una volta, pazienza. Al limite, possiamo cercare di ridurre gli effetti della voglia di autonomia del nostro piccolino. A tavola, ad esempio, possiamo preferire piatti e posate in plastica o vestirlo diversamente in modo da non innervosirci se si sporcherà. Il bambino, oltre ad essere incoraggiato, deve essere lodato quando porta a termine i suoi obbiettivi senza l’aiuto degli adulti. Infine, se è vero che il bambino non va scoraggiato nella sua voglia di indipendenza, di sicuro è altrettanto opportuno evitare l’atteggiamento opposto e cioè pretendere subito e troppo dal piccolo.