Bambini autistici, stimolarli con il gioco

da , il

    Bambini autistici, stimolarli con il gioco

    L’autismo infantile è una malattia ancora poco conosciuta: i primi sintomi di questo disturbo sono però visibili fin dai primi mesi di vita e aiutano a formulare una diagnosi precoce. Riconoscere la malattia è, come sempre, il primo passo importante per curarla. Il fatto che però sull’autismo dei bambini si sappia ancora così poco non aiuta a proporre un approccio di cura universalmente valido.

    Allo stato dei fatti molti farmaci per l’autismo si sono rivelati inutili se non dannosi. E’ importante allora cercare altre vie di cura. Il gioco e l’interazione possono essere metodi efficaci per stimolare i bambini autistici. Per i bambini autistici alcuni giochi di intuitivo funzionamento possono non essere elementari, ad esempio possono non capire il meccanismo dei cubi ad incastro. Può capitare allora che, piuttosto che inserirli uno dentro l’altro, il bambino autistico trovi un metodo alternativo per giocarci, ad esempio disponendoli in fila. Non lo fermate in questa attività: è importante che giochi in un modo che abbia significato sensato per lui. Anche la tecnologia viene in soccorso delle mamme di bimbi autistici: Zac (Zone for autistic children) è un browser pensato per bambini autistici o affetti da altri disordini dello sviluppo. In questo modo i contenuti vengono filtrati e il bambino ha accesso solo a materiale didattico ed educativo. C’è anche la sezione intrattenimento, con la possibilità di scegliere tra video Disney, Sesame Street, Pink Panther, e molti altri di questo tipo. Sono presenti inoltre la sezione musicale e quella dedicata alle favola. Per il bambino è uno stimolo molto importante poter navigare tra questi contenuti e i genitori si sentono tranquilli.