Bambini felici, anche l’ottimismo s’insegna

da , il

    Bambini felici, anche l’ottimismo s’insegna

    Da genitori tutti ci chiediamo qual è il modo migliore per educare i bambini, ma quello che ci preme di più è che i nostri bambini siano felici eppure non è semplice, se non impossibile insegnarlo. Quello che però i genitori possono insegnare ai propri bambini è l’ottimismo. Secondo un recente studio l’ottimismo infatti viene trasmesso dai genitori ai figli fin da quando sono molto piccoli.

    La ricerca è stata svolta da un team della Jacksonville University e della University of California, a Davis negli Stati Uniti. I bambini sono come delle spugne, lo sappiamo bene, una delle cose che notano i genitori più attenti è che i bambini ripetono tutto quello che facciamo. Secondo questo studio i nostri piccoli non solo imparano la buona educazione, le abitudini religiose o i gusti alimentari da noi adulti, ma anche le basi dell’ottimismo che accompagnerà i bambini per tutta la vita.

    Per giungere a questa conclusione sono state raccontate 6 storie illustrate a 90 bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni. Lo studio è stato suddiviso in 3 fasi. Prima della lettura delle storie i ricercatori hanno cercato di capire il livello di speranza e ottimismo delle famiglie, in seguito hanno letto la favola e subito dopo c’è stata una vera e propria misurazione dell’emozione.

    Alla fine il risultato è stato che i bambini al di sotto dei 5 anni hanno manifestato più ottimismo di quelli più grandi, forse per una maggiore ingenuità. Quelli al di sopra dei 5 anni invece, hanno manifestato un approccio più maturo alla vita e, cosa che ha stupito i ricercatori, hanno anche compreso ed espresso i pensieri positivi o quelli negativi dei loro genitori.

    I bambini avrebbero dunque ascoltato attentamente la storia, ma i loro giudizi su di essa erano strettamente legati ai pensieri ed ai modi di interpretarla dei genitori.

    Attenzione dunque i bambini apprendono davvero tutto quello che vedono e quello che sentono, a questo proposito vi (ri)consiglio una bellissima poesia.