Brain training: le attività che stimolano il cervello dei bambini

da , il

    Brain training: le attività che stimolano il cervello dei bambini

    Con il termine brain training si intende comunemente l’attività di allenamento del cervello. Nuovi studi al riguardo hanno evidenziato una serie di attività, tra quelle che possiamo svolgere quotidianamente, che aiutano a rivitalizzare e potenziare la vitalità dei neuroni anche nei bambini. Vediamo in sintesi quelle che appaiono più efficienti sotto questo aspetto. Anzitutto, l’attività fisica risulta essere corroborante per la memoria e per la stimolazione e la creazione di nuovi neuroni. Anche la vita sociale è di fondamentale importanza, perché necessaria per la creazione dei neuroni specchio.

    Un’altra attività importante è suonare uno strumento musicale, specie se si comincia da piccoli: nei musicisti sono superiori alla media sia il volume del corpo calloso sia quello della materia grigia nelle regioni auditive, motorie e visuali. Molto utile inoltre è concentrarsi su un’attività specifica, per questo chi medita ha più memoria, più attenzione e migliori riflessi. Sembra che anche gli stati d’animo positivi possano essere mentalmente tonificanti.

    Per quanto riguarda l’alimentazione, particolarmente utili sono il magnesio e i flavonoidi (questi ultimi si trovano nei mirtilli, nel ribes nero, nel tè verde e anche nel vino). Anche la luce rende più attive le strutture subcorticali (talamo, ipotalamo, tronco encefalico), le aree limbiche (amigdala e ippocampo) e quelle corticali. Infine, notizia graditissima ai nostri figli, anche determinati videogiochi migliorerebbero davvero le capacità cognitive. L’importante è sceglierli con sapienza, e farli utilizzare nella giusta misura.