Camera in disordine, alcuni consigli

da , il

    Camera in disordine, alcuni consigli

    Alcuni bambini semplicemente non concepiscono l’ordine, è come se nel loro caos percepissero la calma casalinga di cui hanno bisogno, o almeno questo fanno credere alle mamme disperate che in preda al panico cercano di insegnare loro il concetto di ordinare la camera, concetto davvero lontano da ogni prospettiva di vita. Secondo alcuni esperti la camera è come il cervello di un bambino in perenne crescita e in costante cambiamento, la confusione che ne deriva è quasi automatica. Soprattutto nella fase pre adolescenziale sembra che i bambini riescano a concentrare ogni loro malumore in pochi metri quadrati riducendo il tutto a un caos totale.

    Gestire i bambini, o se preferite pre adolescenti, disordinati è possibile, esistono alcune regole da seguire attentamente, attenzione se cedete loro ne approfittano:

    E’ la sua stanza, non intervenite

    Fin tanto che mamma pulisce tutto è concesso, invece quella camera è sua e sua soltanto, il disordine è stato creato da lui e da lui va pulito, qualcuno ipotizza che quando la puzza diventerà insopportabile allora, forse, si alzerà le maniche e inizierà a lavorare. Il problema è suo non dei genitori. I suoi abiti sono puliti ma ancora da sistemare in armadio? E’ un suo problema. Le cose cambiano quando il ragazzino allarga il territorio e il suo disordine attacca anche gli altri componenti della famiglia. Solo in questo caso i genitori devono intervenire.

    Né premi né minacce

    Inutile minacciarli e inutile premiarli, una ricerca ha dimostrato quanto queste tecniche genitoriali siano inutili, inoltre sculacciare i bambini a oggi è diventato illegale, educare con fermezza e decisione sembra essere l’unica via, i baratti dell’amore non funzionano e sono diseducativi.

    Negoziazione

    Non è follia, prendere accordi con il bambino serve a capire quando è pronto ad impegnarsi in un determinato compito e se il non farlo è un dispetto nei confronti dei genitori. Quando gli accordi funzionano allora è possibile raggiungere un certa quiete familiare.

    Non perdere la calma

    Gli adolescenti sono dei maghi nel far perdere le staffe agli adulti, ma pensala così, una stanza disordinata, piatti sporchi, calzini abbandonati in giro sono tutti aspetti fastidiosi ma secondari, il ragazzo cresce, va bene a scuola, è semplicemente un pre adolescente. Perdere la pazienza non vale la pena, ci siamo passati tutti poi cresce e le sfide da affrontare saranno altre.