Canzoni da dedicare alla mamma

da , il

    Si avvicina il giorno della festa della mamma e tra un lavoretto, un disegno da colorare ed una poesia, ecco qui le canzoni più belle da dedicarle. Cinque canzoni celebri cantate da interpreti d’eccellenza tra cui Edoardo Bennato, Beniamino Gigli e il mitico Antonio De Curtis, alias Totò. Il brano più recente è quello di Bennato, ovviamente l’indimenticabile Viva la Mamma, pubblicato nel 1989 all’interno dell’album Abbi dubbi, chi sa perchè di canzoni sulla mamma non se ne sentono più tante, sono piuttosto le mamme a cantare dei loro bambini come nel caso della bellissima canzone Ogni Tanto di Gianna Nannini. Di seguito le canzoni da ascoltare ed i testi completi.

    Dedicare una speciale canzone per la festa della mamma? Un’idea affettuosa e originale. Potete ascoltare tutte le canzoni in streaming e seguire il testo, per quanto riguarda la canzone di Totò, non c’è l’audio perchè è praticamente introvabile ma non ho resistito a mettervi il testo perchè l’ho trovato bellissimo.

    Buon ascolto!

    Mamma – Beniamino Gigli

    Mamma, son tanto felice

    perché ritorno da te.

    La mia canzone ti dice

    ch’è il più bel sogno per me!

    Mamma son tanto felice…

    Viver lontano perché?

    Mamma, solo per te la mia canzone vola,

    mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!

    Quanto ti voglio bene!

    Queste parole d’amore che ti sospira il mio cuore

    forse non s’usano più,

    mamma!,

    ma la canzone mia più bella sei tu!

    Sei tu la vita

    e per la vita non ti lascio mai più!

    Sento la mano tua stanca:

    cerca i miei riccioli d’or.

    Sento, e la voce ti manca,

    la ninna nanna d’allor.

    Oggi la testa tua bianca

    io voglio stringere al cuor.

    Mamma, solo per te la mia canzone vola,

    mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!

    Quanto ti voglio bene!

    Queste parole d’amore che ti sospira il mio cuore

    forse non s’usano più,

    mamma!,

    ma la canzone mia più bella sei tu!

    Sei tu la vita

    e per la vita non ti lascio mai più!

    Mamma… mai più!

    Mamma tutto – Iva Zanicchi

    Chi asciugava i pianti miei?

    Mamma buona era lei…

    Chi in cucina cucinava?

    Mamma cuoca canticchiava…

    Mamma Tutto

    Io la sera nel lettino,

    Mamma a nanna lì vicino…

    La mia mano nella sua

    Mamma amica mia…!

    Due più uno fanno tre,

    Mamma scuola accanto a me…

    Mal di pancia, o starnutivo:

    Mamma medicina avevo…

    Quando c’era il compleanno:

    Mamma festa ogni anno

    e Mamma regalo, poi,

    non mancava mai!

    Poi la grande delusione

    della prima passioncella

    E arrivò Mamma sorella

    Lei mi strinse sul suo cuore,

    io dimenticai il dolore

    con Mamma consolazione…

    Non sapevo ancora che quella mamma era per me

    Tutto quel che al mondo c’è

    e in un attimo imparai:

    Mamma Tutto è lei!

    Son tutte belle le mamme del mondo – Giorgio Consolini

    Donne, donne, donne

    che l’amore trasformerà!

    Mamme, mamme, mamme

    questo è il dono

    che Dio vi fa!

    Tra batuffoli e fasce,

    mille sogni nel cuor:

    per un bimbo che nasce

    quante gioie e dolor !

    Son tutte belle le mamme del mondo

    quando un bambino si stringono al cuor !

    Son le bellezze d’un bene profondo,

    fatto di sogni, speranze ed amor.

    E’ tanto bello quel volto di donna

    che veglia un bimbo e riposo non ha !

    Sembra l’immagine di una madonna,

    sembra l’immagine della beltà.

    E gli anni passano, i bimbi crescono,

    le mamme imbiancano, ma non sfiorirà

    la loro beltà, la loro beltà.

    E’ tanto bello quel volto …

    Mamme, mamme, mamme,

    quante pene l’amore vi dà:

    ieri, oggi, sempre per voi mamme

    non c’è pietà.

    Ogni vostro bambino

    quando uomo sarà

    verso il proprio destino

    senza voi se ne andrà…

    Son tutte belle le mamme del mondo,

    ma soprattutto più bella, tu sei,

    tu che m’hai dato il bene profondo

    e sei la mamma dei bimbi miei.

    Viva La Mamma – Edoardo Bennato

    C’è folla tutte le sere

    nei cinema di Bagnoli

    un sogno che è in bianco e nero

    tra poco sarà a colori

    l’estate che passa in fretta

    l’estate che torna ancora

    e i giochi messi da parte

    per una chitarra nuova

    Viva la mamma

    affezionata a quella gonna un po’ lunga

    così elegantemente anni cinquanta

    sempre così sincera

    Viva la mamma

    viva le donne con i piedi per terra

    le sorridenti miss del dopoguerra

    pettinate come lei!

    Angeli ballano il rock ora

    tu non sei un sogno tu sei vera

    viva la mamma perché

    se ti parlo di lei, non sei gelosa

    Viva la mamma

    affezionata a quella gonna un po’ lunga

    indaffarata sempre e sempre convinta

    a volte un po’ severa

    viva la mamma

    viva la favola degli anni cinquanta

    così lontana e pure così moderna

    e così magica

    Angeli ballano il rock ora

    non è un juke-box è un orchestra vera

    viva la mamma perché se ti parlo di lei

    non sei gelosa

    Bang bang la sveglia che suona

    bang bang devi andare a scuola

    bang bang soltanto un momento

    per sognare ancor

    Viva la mamma

    viva le regole e le buone maniere

    quelle che non ho mai saputo imparare

    forse per colpa del rock

    Dincello, mamma mia – Antonio De Curtis (Totò)

    totò

    Oggi mamma m’ha ditto:

    guardeme ‘nfaccia e dimme ‘a verità,

    te veco triste e afflitto

    figlio mio bello dimme c’aggia fà?

    Parla sinceramente

    io te sò mamma e nun me puo ngannà,

    rispunne onestamente

    si vuo fà pace nce vaco io a parlà.

    Dincello mamma mia

    c’ ‘a voglio sempe bene,

    c’ ‘a porto dint’ ‘o core,

    c’ ‘a tengo dint’ ‘e vene,

    è tutta ‘a vita mia

    nun m’ ‘a pozzo scurdà,

    sta femmena è d’ ‘a mia

    essa ha da riturnà.

    Mammema nci ha parlato

    ll’a ditto piccerè tu che vuò fà?

    Pecchè ll’he abbandonato,

    figlieme senz’ ‘e te nun pò campà.

    Povera mamma mia

    comme na santa ll’he ghiuta a prià,

    ritorna figlia mia

    songo na mamma e nun m’ ‘o può annià.

    Dincello mamma mia

    c’ ‘a voglio sempe bene,

    c a porto dint’ ‘o core,

    c’ ‘a tengo dint’ ‘e vene,

    è tutta ‘a vita mia

    nun m’ ‘a pozzo scurdà,

    sta femmena è d’ ‘a mia

    essa ha da ritumà.