Come curare le punture di api nei bambini

da , il

    Come curare le punture di api nei bambini

    Come curare le punture di api nei bambini? Le api pungono solo quando si sentono minacciate o in pericolo quindi è sempre bene in loro presenza cercare di non infastidirle con i propri comportamenti. Le api sono dotate di un pungiglione collegato ad una ghiandola dentro il quale si trova il veleno. Quando ci pungono le api rilasciano il veleno nella pelle, ma poi perdono il pungiglione e muoiono. Come curare le punture di api nei bambini? Anzitutto, è importante ricercare prima i sintomi e verificare che si tratti effettivamente di una punture d’ape.

    Se è proprio un’ape ad aver punto il nostro bambino, sulla zona colpita appare rossore e gonfiore. Altri sintomi della puntura di un’ape sono il prurito ed il bruciore. Molto più raramente, la puntura di un’ape ha ulteriori conseguenze su bambini. Il veleno, in alcuni casi, può provocare anche una reazione allergica con vertigini o, al limite, shock anafilattico. Veniamo al come curare le punture di api nei bambini. Per curare le punture di api nei bambini, la prima cosa da fare è estrarre il pungiglione; occorre cercare di fare questa operazione con le mani, evitando altri strumenti come le pinzette da sopracciglia, che potrebbero solo rompere il pungiglione. Si può procedere, quindi, semplicemente premendo con le mani con pollice e indice, dopo averle lavate accuratamente. Successivamente, si può curare le punture di api nei bambini applicando degli impacchi freddi e, dopo aver consultato il pediatra, applicando localmente una pomata a base di cortisone. Insomma, le punture di api generalmente non hanno conseguenze serie ed è facile curarle facilmente. Se si dovesse presentare lo shock anafilattico, invece, è bene recarsi al pronto soccorso.