Come fare l’aerosol ai neonati correttamente

Come fare l’aerosol ai neonati correttamente
    Come fare l’aerosol ai neonati correttamente

    A differenza di quanto si potrebbe credere, fare l’aerosol ai neonati non ha controindicazioni, anzi è un rimedio particolarmente efficace. Infatti l’aerosol garantisce un maggior effetto del farmaco e assicura un’azione rapida. L’aerosol può essere anche utilizzato per inalare farmaci che altrimenti sarebbero spray e che difficilmente i bambini prima dei 5 anni riescono ad usare in modo corretto. L’aerosol nei neonati viene generalmente prescritto dal pediatra per la cura dell’asma o per altre affezioni delle vie respiratorie come la bronchite o la tracheite, ma anche per la cura della rosse e del raffreddore.

    Attraverso l’aerosol possono essere somministrati gli antistaminici, gli antibiotici o i mucolitici. La scelta, ma soprattutto il modo in cui si utilizza l’aerosol, hanno effetto anche sull’efficacia della cura tant’è che, se l’apparecchio non è correttamente utilizzato, finisce col diminuire l’efficacia terapeutica della cura somministrata. In commercio poi esistono due tipi di aerosol, quelli a ultrasuoni e quelli pneumatici. Per il corretto utilizzo dell’aerosol da parte dei neonati, invece, è importante verificare che questi respirino con la bocca il farmaco da inalare e non con il naso.

    Il naso, infatti, tende a filtrare e quindi a trattenere una parte del medicinale che viene nebulizzato. Insomma, l’aerosol nei neonati rappresenta una valida alternativa alle somministrazioni classiche dei farmaci o di mix di farmaci. Per ottenere un buon risultato è però necessario rispettare scrupolosamente le indicazioni di utilizzo riportate sull’apparecchio.

    297

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambinoCrescita neonatoMammaNeonatoSalute bambini
    TOP VIDEO
    PIÙ POPOLARI