Come tenere in braccio il neonato, le tre posizioni classiche

da , il

    Come tenere in braccio il neonato, le tre posizioni classiche

    Per i genitori alle prime armi può essere difficile anche capire come tenere in braccio il neonato. Ovviamente, le posizioni sono diverse e variano a seconda di quello che si sta facendo col neonato, ad esempio è opportuno tenere in un certo modo il neonato durante il bagnetto, piuttosto che durante il ruttino. Le posizioni base, invece, per tenere in braccio il neonato, possono ridursi a tre. Si può tenere il neonato a pancia in su, a pancia in giù o contro la spalla. In quest’ultimo caso, per tenere in braccio il neonato, si tiene con una mano il sederino del bambino e con l’altra gli si sostiene la testa.

    Il bambino in questa posizione si appoggia alla spalla e all’addome del genitore con il viso in direzione opposta a quello della mamma o del papà. La posizione per tenere in braccio il neonato a pancia in giù, invece, prevede che il genitore faccia passare le braccia sotto il pancino del neonato.

    Questo tipo di posizione è indicata anche in caso di coliche gassose. Infine, potete tenere in braccio il neonato nella classica posizione a pancia in su, indicata anche per offrire il biberon. In questo caso il neonato è a pancia in su e il genitore sostiene il sederino con una mano e con l’altra gli si appoggia la testa nell’incavo del gomito.