Convulsioni neonatali: sintomi e terapia

da , il

    Convulsioni neonatali: sintomi e terapia

    Quali sono i sintomi e la terapia delle convulsioni neonatali? Molti genitori si preoccupano tanto a sentir parlare di convulsioni; in realtà si tratta di un fenomeno che colpisce solo il 3% dei bambini e comunque non ha conseguenze a lungo termine sulla salute. Le convulsioni neonatali sono contrazioni muscolari spesso brusche e comunque involontarie che sono causate dal repentino rialzo della temperatura corporea. Ecco perché nella maggior parte dei casi le convulsioni neonatali sono associate alla febbre. Nella maggior parte dei casi le convulsioni si presentano entro le prime 24 ore di febbre, ma anche fino a 30 ore dopo dall’innalzamento della temperatura.

    Diversi sono i sintomi da cui riconoscere le convulsioni neonatali: i movimenti bruschi degli arti che vengono scossi involontariamente, ma anche la perdita di coscienza del bambino seguite in genere da una forte sonnolenza che indica il ritorno alla normalità. Di solito, comunque, le convulsioni neonatali durano solo alcuni minuti (non oltre i 15 minuti). Una volta accertati i sintomi delle convulsioni neonatali si può passare alla terapia. In questi casi è consigliato sdraiare il bambino su un fianco, slacciargli i vestitini e comunque evitare di scuoterlo per farlo riprendere. Il consiglio è quello di contattare il pediatra che potrebbe consigliare un farmaco rettale a base di benzodiazepina. Infine, se le convulsioni non regrediscono dopo un’eventuale seconda somministrazione del farmaco e il bambino ha meno di un anno, sarebbe bene recarsi al Pronto soccorso.