Cordocentesi in gravidanza: un esame possibile ma non necessario

da , il

    Cordocentesi in gravidanza: un esame possibile ma non necessario

    Forse qualche mamma avrà sentito parlare di questo esame, la cordocentesi, senza sapere di cosa si tratti esattamente o se possa effettivamente rivelarsi utile in gravidanza. La cordocentesi è un esame possibile in gravidanza, ma non sempre viene effettuato, dal momento che si tratta di un esame invasivo che interessa il cordone ombelicale.

    L’esame infatti consiste in un prelievo di sangue effettuato sul cordone e può essere richiesto dal ginecologo a partire dalla 20a settimana di gravidanza. La cordocentesi, quando viene effettuata in gravidanza, non è dolorosa e non richiede anestesia.

    Tuttavia, essa comporta un rischio di aborto pari a circa l’1% dei casi su 150. Per questo motivo, la cordocentesi viene praticata solo in caso di necessità, e cioè quando gli altri esami di diagnosi prenatale abbiano evidenziato delle anomalie, ad esempio si sospetti la sindrome di Down.