Crampi in gravidanza, cause e conseguenze

da , il

    Crampi in gravidanza, cause e conseguenze

    I crampi in gravidanza hanno diverse cause e poche conseguenze. I crampi sono contrazioni improvvise ed involontarie che provocano dolore localizzato simile ad una fitta. Molto spesso i crampi in gravidanza interessano la zona degli arti inferiori, dai piedi alle cosce. In genere i crampi in gravidanza non durano più di un minuto e non hanno conseguenze. Comunque, anche se privi di conseguenze, i crampi in gravidanza possono risultare particolarmente fastidiosi, specie se si manifestano durante la notte e, talvolta, le parti interessate dai crampi possono addirittura arrivare a cambiare forma. Solitamente, una volta manifestatisi, i crampi in gravidanza passano spontaneamente e come detto non hanno conseguenze.

    Diverse sono le cause dei crampi in gravidanza. Tra le cause dei crampi in gravidanza, in primis, la carenza di Sali minerali che durante la gestazione vengono destinati allo sviluppo del feto. Tra le cause dei crampi in gravidanza anche il rallentamento della circolazione sanguigna. Quest’ultima è naturale nei nove mesi ed è legata all’insieme dei cambiamenti che interessano complessivamente il corpo della gestante. Tra questi anche l’ingrossamento dell’utero con il conseguente aumento di pressione che esso esercita rallentando maggiormente la circolazione del sangue. I crampi in gravidanza sono quindi legati alla fase della gestazione e non devono destare particolari difficoltà dato che, come anticipato, non hanno conseguenze particolari. Comunque, diversi accorgimenti permettono di prevenire e rimediare all’eventuale insorgenza dei crampi in gravidanza