Donna incinta se ne accorge a nove giorni dal parto

da , il

    Donna incinta se ne accorge a nove giorni dal parto

    I sintomi della gravidanza sono noti a tutte le donne: nausea, debolezza, amenorrea etc. Eppure non per tutte i sintomi della gravidanza sono inconfondibili e nel 2010 c’è ancora chi resta incinta e non se ne accorge: non per un mese, due o tre, non semplicemente oltre il termine consentito per l’aborto ma praticamente a ridosso della data del parto. Questa storia che ha dell’incredibile non arriva da un Paese del terzo mondo ma dalla vicina e avanzata Inghilterra e sta mettendo in imbarazzo l’intero sistema sanitario ed educativo inglese.

    La protagonista, una giovane diciannovenne di East Huntspill, nel Somerset, si è accorta di essere incinta a nove giorni dal parto! Lei, Amy Furber, non aveva la minima idea di essere rimasta incinta fino a pochi giorni prima di mettere al mondo il piccolo David. Come è stato possibile? La ragazza, cassiera in un supermercato, era convinta di soffrire di una cisti ovarica che le provocava dolori forti allo stomaco. La sua convinzione nell’escludere la gravidanza deve aver fuorviato i medici che le hanno prescritto una terapia che includeva peraltro farmaci sconsigliati in gravidanza. Ma non solo: Amy Furber si è anche messa a dieta durante la gestazione per perdere i chili di troppo che stava inevitabilmente prendendo. Insomma una gravidanza inevitabilmente messa a rischio più volte: lo scorso mese, in ocassione del famoso Carnevale del Somerset, era partita con i suoi amici e il gruppo aveva percorso ben due miglia e mezzo a piedi. Al ritorno Amy aveva avvertito un forte dolore al fianco al seguito del quale il suo medico di famiglia le ha prescritto nuove analisi. In quel momento sono arrivati i risultati sconvolgenti: non era una cisti ma un bambino! Amy stava per partorire: la data del parto era stata fissata per il 13 Dicembre ma David è venuto alla luce due settimane prima e, contro ogni pronostico, sta bene. La neo mamma si dichiara sorpresa e confusa ma soprattutto felice.