Dopo un aborto è meglio riprovare subito ad avere un bambino

da , il

    Dopo un aborto è meglio riprovare subito ad avere un bambino

    L’aborto spontaneo è l’interruzione della gravidanza dovuta a problemi fisici e naturali e, dunque, senza alcun intervento esterno mirato. Purtroppo i casi sono molto frequenti, specialmente per quanto riguarda la prima gravidanza: statisticamente il 15% delle gravidanze terminano precocemente interrotte appunto da un aborto spontaneo. I problemi si concentrano soprattutto nel primo trimestre che è il più delicato per lo sviluppo del feto.

    Tradizionalmente il parere medico è stato quello di attendere qualche mese prima di tentare una nuova gravidanza a seguito di un aborto spontaneo: la ricerca in tema di interruzione della gravidanza però non si ferma mai e un nuovo studio scozzese, condotto presso l’Università di Aberdeen, sembra aver ridato uno spiraglio di speranza alle donne in questa situazione. Gli studiosi hanno esaminato casi reali di 31 mila donne che, tra il 1981 e il 2000, hanno subito un aborto spontaneo e che hanno concepito un bambino a distanza di pochi mesi o settimane. Nell’85% dei casi i bambini non hanno avuto alcun problema fisico o complicazione nello sviluppo. L’unico inconveniente può essere causato dall’età:più le lancette dell’orologio biologico scorrono e maggiore sarà il rischio di essere vittime di un altro aborto. La percentuale scende invece al 73% per le donne che hanno aspettato più di due anni prima di concepire di nuovo un bambino. Secondo gli studiosi scozzesi quindi dopo un aborto spontaneo è più efficace cercare di restare incinta entro sei mesi. La ricerca è stata pubblicata sul British Medical Journal e ha aperto nuove speranze per le donne desiderose di avere un bambino.