Epidurale: cos’è e come si procede per effettuarla

da , il

    Epidurale: cos’è e come si procede per effettuarla

    Cos’è l’epidurale? Molte future mamme sentono parlare di questa particolare tecnica, ma non tutte la conoscono sufficientemente. Può quindi essere utile fornire qualche informazione per capire cos’è l’epidurale e come si procede per effettuarla. L’analgesia epidurale è una particolare forma di anestesia che, se praticata, permette alla mamma di rimanere vigile durante il parto, avvertire comunque le contrazioni, ma non i dolori. In Italia, rispetto agli altri Paesi e, soprattutto al sud, sono ancora poche le donne che la richiedono (circa il 10% delle partorienti).

    Se la futura mamma decide di richiedere l’epidurale dovrà programmare intorno all’ottavo, nono mese di gravidanza un colloquio con il medico anestesista che dovrà essere presente al momento del parto e firmare il consenso informato all’anestesia.

    In alcuni casi, comunque, è lo stesso ginecologo a richiedere l’epidurale, ad esempio in caso di diabete gestazionale o ipertensione. Per eseguire l’anestesia epidurale la donna viene posizionata seduta o su di un fianco a travaglio già avviato e attraverso un cateterino le viene somministrato l’anestetico nella zona lombare che agisce dopo un quarto d’ora circa.