Epidurale, non sempre è gratuita e garantita

da , il

    Epidurale, non sempre è gratuita e garantita

    Non sempre l’epidurale è gratuita e garantita. Come molti già sanno, l’anestesia epidurale consente alla donna di partorire in modo naturale, ma limitando notevolmente i dolori delle contrazioni. L’epidurale ha quindi diversi vantaggi, anche se non sempre può essere praticata, ad esempio in caso di forti malformazioni della spina dorsale o in casso di malattie della coagulazione del sangue. L’epidurale rappresenta comunque una valida opportunità per le donne che scelgono il parto naturale.

    Purtroppo, però, l’epidurale non sempre è gratuita e garantita. Infatti, anche se dal 2008 l’epidurale è prevista dal Servizio sanitario nazionale, non è ancora ugualmente prevista in tutte le strutture, dato che tutto dipende dalle Regioni che gestiscono la spesa sanitaria diversamente. Si stima infatti che in Italia solo il 16% delle strutture è attrezzata per garantire l’epidurale sette giorni su sette e 24 ore su 24. Nel caso in cui la gestante sia interessata a chiedere l’epidurale, quindi, dovrebbe prima informarsi preventivamente sulla struttura più adeguata alle sue esigenze.

    In alcuni casi, poi, le strutture ospedaliere adottano dei criteri particolari nel fornire l’epidurale, ad esempio la rendono gratuita e garantita solo dopo una certa età della gestante. Tra le strutture che rendono l’epidurale gratuita e garantita, l’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, l’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli a Roma, l’Azienda Ospedaliera Regina Margherita a Torino, l’ospedale di Treviso in Veneto, l’A.O. U. di Cagliari, l’A. O. Luigi Sacco di Milano, l’istituto G. Gaslini a Genova e il P. O. Annunziata a Cosenza.