Esposizione al sole in gravidanza: attenzione a cloasma e topless

da , il

    Esposizione al sole in gravidanza: attenzione a cloasma e topless

    L’esposizione al sole in gravidanza è possibile e, per certi versi, anche consigliata, ma sempre con le dovute attenzioni e cautele! Uno dei pericoli maggiori dell’esposizione al sole in gravidanza è quello di incorrere nel cosiddetto cloasma gravidico. Con questo termine si indica quel particolare fenomeno per cui il volto si riempie di tante macchioline di colore marrone scuro. Il formarsi di queste macchie marrone scuro sul viso dipende prevalentemente dall’azione degli estrogeni, che portano la pelle a produrre più melanina.

    In caso di esposizione al sole in gravidanza, quindi, per evitare il cloasma gravidico, è consigliato utilizzare una crema protettiva con filtro solare alto per proteggere la zona del viso. Nel corso dell’esposizione al sole in gravidanza una particolare attenzione deve prestarsi anche alle gambe e al seno, due zone ugualmente molto delicate. Dato che in gravidanza è già comune il fenomeno delle gambe gonfie, le future mamme che non vogliono peggiorare la situazione, dovrebbero evitare di esporre per un tempo eccessivo le gambe al sole .Per evitare il fenomeno delle gambe gonfie è quindi consigliato evitare di stare troppo sedute con le gambe al sole, mentre si dovrebbero fare delle lunghe passeggiate in acqua o sul bagnasciuga. In caso di esposizione al sole in gravidanza, poi, una particolare attenzione deve essere prestata anche alla zona del seno. In questo caso è sconsigliato assolutamente il topless che può provocare anche una congestione della zona. Si tratta di una piccola rinuncia, ma che può evitare fastidi in gravidanza in caso di esposizione al sole.