Fertilità femminile in calo, tra le cause il fumo

da , il

    Fertilità femminile in calo, tra le cause il fumo

    Molte donne decidono di avere un figlio a quarant’anni o comunque dopo i trenta: l’origine di questa tendenza va ricercata sicuramente nello stile di vita che rispetto a qualche anno fa è molto cambiato. Tutto si è posticipato: una donna che si laurea e vuole fare carriera difficilmente riesce a ‘trovare’ tempo per un figlio prima dei 35 anni. Ma, senza ripetere i soliti allarmismi sullo scadere dell’orologio biologico, è innegabile che posticipare l’età della prima gravidanza significa ridurre le possibilità di concepimento. Ma esistono altri fattori che incidono in egual misura sulla fertilità femminile e che invece spesso vengono trascurati, ad esempio il fumo.

    Il fumo infatti è dannoso per le ovaie: le donne fumatrici hanno una fecondità ridotta e impiegano più tempo, in media oltre un anno, a concepire un figlio. Stesso discorso anche per il consumo di droghe e l’abuso di alcool. Secondo i dati Istat relativi al 2009 il dato di infertilità è di 1,41 contro 1,19 del 1995. Eurostar conferma che la situazione è la stessa a livello internazionale: una tendenza negativa analoga si registra in Spagna, Francia, Germania, Irlanda e Portogallo. L’unico Paese europeo che si mostra in controtendenza è la Svizzera. Circa un caso su tre di sterilità è inoltre legato a problemi nell’apparato riproduttivo, ad esempio la lesione delle tube. Quest’ultima può essere provocata dalla spirale, da un rapporto sessuale infetto o da un aborto precedente. Ma ci sono anche cause più rare come ad esempio l’appendicite. Per altre donne il fattore limitante per la gravidanza è il peso: donne obese o donne con problemi alimentari hanno generalmente un’ovulazione irregolare e in alcuni casi perfino assente. Tra le malattie che riducono le possibilità di avere un bambino non va certamente dimentica l’endometriosi, che spesso viene diagnosticata quando è già ad uno stadio molto avanzato. Una speranza arriva senza dubbio dalla medicina assistita che continua a fare passi avanti ideando trattamenti personalizzati per le singole pazienti e diversi da caso a caso.