Genitori e paure, le preoccupazioni più comuni

da , il

    Genitori e paure, le preoccupazioni più comuni

    I genitori devono destreggiarsi con talmente tante preoccupazioni che a volte esagerano per panico, mentre altre rischiano di non vedere la realtà, eppure cercare di vivere ottenendo una prospettiva gestibile è possibile, così come è possibile preoccuparsi un po’ meno. Il momento di maggiore terrore è quando non li possiamo tenere sotto controllo, quando sono a calcio, al parco giochi, o chissà quale altra attività per il pomeriggio, a quanto pare non è necessario trovare ogni giorno un attività, i bambini hanno bisogno di giochi per poter usare la loro immaginazione, bambole, Lego, sono due esempi, giochi da fare in casa, sotto gli occhi di mamma e papà.

    Altro motivo di terrore è internet, è necessario inserire il pc in un area comune della casa, almeno fino a quando il ragazza non lo dovrà usare per studiare, gestire i Social Network con le varie opzioni di privacy è un altro punto molto consigliato. Secondo alcuni esperti l’aspetto più importante è che i genitori tengano il passo con i progressi tecnologici in modo da sapere sempre rischi e soluzioni.

    Il punto successivo ha dell’incredibile, se noi abbiamo inziato le trasgressioni come a bere e fumare ad adolescenza inoltrata sfidando ogni regola imposta, sembra che oggi la sfida inizi molto prima verso i dieci anni, mentre il sesso parte dai tredici. Il fare un qualcosa per piacere al gruppo è da sempre motivo di studio per la psicologia e di terrore per i genitori. In questo caso più che cercare di parlarne per responsabilizzare il bambino altro non si può fare, le interazioni sociali sono necessarie e iniziare a fidarsi mentre si cerca di conoscere il mondo una necessità del diventare adulti.

    Gli estranei, mai aprire la porta, mai avvicinarsi a un auto, mai… ma di contro educhiamo i nostri figli a dare indicazioni quando qualcuno le chiede. Questo è un aspetto davvero delicato, suggeriscono di insegnare ad urlare, se un estraneo ti afferra tu urla, lotta e grida. Attirare ‘attenzione è l’arma a disposizione. Paure tante paure, paure di tutti, chi più chi meno, paure da gestire e ridimensionare, mai da zittire.