Gestosi in gravidanza: i rischi per il feto

da , il

    Gestosi in gravidanza: i rischi per il feto

    Esistono dei rischi per il feto legati alla gestosi in gravidanza? La gestosi è un disturbo molto comune che si manifesta con diversi sintomi: pressione alta, presenza di alcune proteine nelle urine, gonfiore e aumento del peso corporeo. Molte regole di condotta comunque permettono anche di fare prevenzione: fare gli esami delle urine regolarmente, non ingrassare troppo e tenere sotto controllo il regime alimentare. Molti sono anche i fattori di rischio della gestosi in gravidanza; ad esempio l’età della madre superiore ai 40 anni, così come l’ereditarietà e l’obesità, contribuiscono a determinare con maggiore incidenza il disturbo.

    Ma quali sono i rischi della gestosi in gravidanza per feto e mamma? Va detto che oggi la gestosi in gravidanza fa molto meno paura in quanto con gli opportuni controlli e le dovute precauzioni è possibile comunque portare regolarmente a termine la gravidanza. Attraverso l’esame delle urine, infatti, generalmente il ginecologo individua tempestivamente la gestosi in gravidanza e riesce quindi a contenere meglio i rischi. I rischi della gestosi in gravidanza sono quindi sostanzialmente legati più che altro alla trascuratezza del disturbo. Infatti, nei casi più seri, di gestosi il rischio è quello di un cattivo funzionamento della placenta con la conseguente difficoltà di accrescimento del feto. Nonostante questo il feto potrebbe comunque non avere conseguenze serie. Il rischio della gestosi in gravidanza più grave per il feto e la gravidanza è quello di un distacco della placenta a cui deve seguire subito il parto. Per evitare i rischi della gestosi in gravidanza, quindi, si consiglia il riposo, il controllo del peso e una dieta tale da non alterare la pressione sanguigna.