Giocattoli bambina: attenzione ai gioielli tossici

da , il

    Giocattoli bambina: attenzione ai gioielli tossici

    Abbiamo parlato più volte dell’importanza della sicurezza dei giocattoli: se ci si affida alle marche più note e certificate CE solitamente si può stare tranquilli e non è necessario creare allarmismi. Tuttavia di tanto in tanto arrivano notizie potenzialmente preoccupanti riguardo specifici prodotti: qualche mese fa avevamo parlato dei tappetini gioco di gomma, oggi a finire nel mirino sono i gioielli giocattolo da bambina. La notizia potrebbe interessare molte mamme soprattutto in questi giorni di Carnevale in cui le bambine amano vestirsi da principesse.

    L’allarme arriva dagli Stati Uniti: alcuni ricercatori dell’Università dell’Ohio hanno sottoposto ad analisi 69 gioielli giocattolo, in particolare collanine. Tutti questi prodotti avevano un costo inferiore a 5 dollari e nella maggior parte dei casi erano stati realizzati in Cina. La prima parte del test si basava su una simulazione del contatto con la saliva: 34 di questi gioielli hanno rilasciato 2 milligrammi di cadmio, un materiale ad alta tossicità. 2 milligrammi può sembrare una quantità minima ma, per rendervi conto della portata del problema, vi basti considerare che è circa 100 volte superiore al limite massimo consentito per legge (18 microgrammi). Altri 8 hanno fatto registrare percentuali meno allarmanti pur superando la soglia consentita. La seconda fase dell’esperimento simulava invece il rischio di ingestione: anche in questo caso i risultati non sono incoraggianti. 20 Gioielli hanno liberato 20 milligrammi di cadmio, 14 1 milligrammo. Ma è la fase finale la più preoccupante: il test sui frammenti ha dimostrato che la maggior parte dei gioielli rilasciano quantità di metallo fino a 30 volte maggiori al limite massimo. Il consiglio è quello di non risparmiare su questi, come su altri giocattoli: meglio un gioco in meno ma di qualità se questo è necessario per tutelare la salute dei bambini.

    .