Giochi tradizionali per bambini: il gioco dell’elastico

da , il

    Giochi tradizionali per bambini: il gioco dell’elastico

    Iniziamo con questo post una serie di articoli sul recupero dei tradizionali giochi per bambini. Il primo di cui parleremo è appunto il gioco dell’elastico. Le regole non sono complicate e i materiali necessari, come immaginerete, non sono difficili da trovare. Basterà solo un po’ di spazio, solitamente si gioca all’esterno, in uno spazio aperto tipo un parco o un giardino. Ecco di seguito le regole per giocare al vecchio gioco dell’elastico.

    Solitamente si giocava tra femmine, io giocavo tantissimo durante l’estate ed ho un ricordo fantastico di quei pomeriggi, eppure rispolverando le regole mi rendo conto che si tratta di un gioco davvero semplice, forse questo è il segreto di un bel gioco, un po’ come giocare con la palla!

    Per giocare vi servirà un elastico lungo almeno 2 metri e mezzo legato con un nodo. Ci vorranno tre giocatori. Una curiosità: l’elastico che si prendeva anni fa era quello che le mamme utilizzavano per sostituire quello ‘smollato’ delle mutande.

    Gioco dell’elastico regole

    Due persone si mettono una di fronte all’altra, l’elastico va posizionato inizialmente intorno alle caviglie ed allargato tanto da formare un rettangolo stretto e lungo. Il terzo giocatore resta al centro e deve pestare l’elastico, ogni volta che ci riesce bisogna alzarlo un po’.

    Le altezze sono: caviglia, polpaccio, ginocchio, coscia, sedere, fianchi ascelle, collo e braccia. Ovviamente arrivati in alto (collo e braccia) ci si potrà aiutare con il mento ad abbassare l’elastico ma non lo si dovrà mai toccare con le mani. Ogni vota che si sbaglierà si passerà il turno. Vince che pesta l’elastico più alto.

    Un altro modo di giocare è quello di seguire gli schemi di salto, chi riesce a finire uno schema passa a quello più difficile, finiti gli schemi si alza l’elastico, chi sbaglia passa il turno. Si inizia sempre tutto dall’inizio.

    Questa di seguito è una sequenza esempio che di solito viene fatta e ripetuta poi per ogni altezza:

    1) con un salto entra a piedi uniti all’interno del rettangolo

    2) con un salto lascia i lati lunghi del rettangolo all’interno delle gambe

    3) con un salto entra con i piedi all’interno del rettangolo

    4) con un salto lascia i lati lunghi del rettangolo all’interno delle gambe

    5) con un salto chiudi le gambe lasciando i lati lunghi sempre all’interno

    6) con un salto entra con i piedi all’interno del rettangolo

    7) con un salto lascia i lati lunghi del rettangolo all’interno delle gambe

    8 ) con un salto chiudi le gambe lasciando i lati lunghi del rettangolo sempre all’interno

    9) con un salto rotatorio di 180 gradi su te stesso

    10) con un salto entra con i piedi all’interno del rettangolo

    11) con un salto pesta i lati lunghi del rettangolo (tenendo sotto i piedi elastico)

    12) con un salto entra con i piedi nel rettangolo

    13) con un salto pesta con 2 piedi un lato del rettangolo(tenendo sotto i piedi elastico)

    14) con un salto entra con i piedi nel rettangolo

    15) con un salto pesta con 2 piedi l’altro lato del rettangolo (tenendo sotto i piedi elastico)

    16) quindi con un salto esci dal rettangolo

    Che dite, i bambini di oggi ce la fanno ancora? Credo proprio di sì, di certo l’obesità non li perseguiterà!