Gravidanza fisiologica, on line le linee guida

da , il

    Gravidanza fisiologica, on line le linee guida

    Spesso la gravidanza è vissuta come una sorta di stato di malattia, soprattutto dai futuri papà, che passano le loro giornate a domandarsi come aiutare le loro donne in gravidanza. La gravidanza e il parto in realtà sono processi fisiologici e ogni intervento assistenziale proposto deve avere benefici dimostrati e risultare accettabile soprattutto per la futura mamma.

    Questo principio ha ispirato la redazione della nuova linea guida sulla gravidanza fisiologica, realizzata con il coordinamento del Sistema nazionale per le linee guida dell’Istituto superiore di sanità, su mandato del Ministero della Salute e pubblicata sul sito del SNLG.

    La linea guida – realizzata da un equipe di esperti (ginecologi, ostetriche, medici di medicina generale, neonatologi, pediatri, sociologi, epidemiologi, metodologi di linee guida, documentalisti esperti in ricerche bibliografiche e rappresentanti delle associazioni che si occupano di nascita) mira a fornire ai professionisti e alle donne che affrontano una gravidanza strumenti e informazioni basati sulle prove di efficacia disponibili per poter scegliere i trattamenti più appropriati fin dal primo trimestre di gravidanza che è il periodo più delicato.

    In particolare la linea guida focalizza l’attenzione sull’importanza degli screening (malformazioni fetali, percorso diagnostico della sindrome di Down, malattie infettive, problemi ematologici, diabete, depressione, nascita prematura) e l’appropriatezza di interventi per la valutazione dell’accrescimento del benessere fetale e per l’assistenza di particolari condizioni cliniche, come la presentazione podalica o la gravidanza a termine.

    La donna in gravidanza dovrebbe essere messa nelle condizioni di fare scelte informate basate sui propri bisogni e i propri valori, dopo averne discusso con le professioniste e i professionisti a cui si è rivolta.

    La linea guida considera due altri temi centrali nell’assistenza alla gravidanza: l’organizzazione delle cure – con un’analisi dell’efficacia della continuità dell’assistenza – e i contenuti e le modalità della comunicazione fra la donna e il professionista.

    Non mancano le raccomandazioni sullo stile di vita, fumare in gravidanza aumenta il rischio d’aborto per esempio e sul trattamento dei comuni sintomi fino all’esame clinico della gestante.

    Per prendere visione e scaricare il documento in formato pdf potete cliccare su questo link:

    http://www.snlg-iss.it/lgn_gravidanza_fisiologica_2010