Gravidanza gemellare: attenzione e precauzione sono doppie

da , il

    Gravidanza gemellare: attenzione e precauzione sono doppie

    Aspettare un bambino è senza dubbio la gioia più grande che una donna possa vivere: portarne in grembo due allora fa raddoppiare automaticamente l’emozione? Forse si ma inevitabilmente aumentano anche le paure e l’esigenza di attenzione e precauzione. La gravidanza gemellare segue delle dinamiche specifiche e può richiedere alcuni accorgimenti particolari ed eventualmente anche ulteriori esami rispetto a quelli comunemente consigliati nel caso di gravidanza singola.

    Lo spavento iniziale alla notizia di aspettare due, o addirittura più, gemelli è comprensibile: effettivamente si tratta di una gestazione delicata e rispetto alla gravidanza singola c’è il rischio maggiore di parto prematuro e di peso insufficiente alla nascita. L’aumento dei parti multipli però, dovuto anche al ricorso frequente alla fecondazione assistita, ha portato ad una specializzazione in materia: la gravidanza gemellare non è più del tutto una rarità. Cerchiamo allora di conoscere meglio questo fenomeno: la prima grande distinzione è quella tra gemelli omozigoti e eterozigoti. Nel secondo caso si hanno due spermatozoi che fecondano due ovuli diversi e quindi si avranno due placente e due sacchi amniotici separati. Grazie alle tecniche di ecografia all’avanguardia è possibile oggi diagnosticare una gravidanza gemellare già dalle prime settimane: questo dà il tempo ai futuri genitori di prepararsi all’evento. Ovviamente anche dopo il parto essere genitori di figli gemelli richiede delle attenzioni particolari: crescere due gemelli significa permettergli di coltivare la propria identità che è comunque unica.